Gestione delle spese? Meglio con una App

app-gestione-speseOggi vorrei farti aggiungere al tuo inseparabile smartphone uno strumento utilissimo: una APP per la gestione delle spese.

Sia che ti ritrovi tra quelli che si domandano dove finiscano i soldi ogni mese o tra coloro che invece sventolano entusiasti la bandiera del: “i soldi sono fatti per essere spesi”, sapere dove li spendi è indispensabile quando punti a migliorare la tua situazione finanziaria.

Quindi  andiamo oltre la tua vocazione o il tuo stato d’animo nei confronti del denaro.  Il punto da cui partire è neutrale e uguale per tutti:  tieni sotto controllo le tue spese!

Se non sai dove spendi, risparmiare diventa una piccola impresa e il risparmio è la base su cui costruire una qualunque forma di serenità finanziaria.

Perciò, decidi tu come controllare le tue spese. Io ti propongo qualche alternativa più o meno attuale.

Come si faceva una volta: il quaderno dei conti.

Hai anche tu il ricordo di un nonno o una nonna che si segnava tutte le spese su un quadernino dei conti? Tipicamente era l’agenda che la Banca regalava a Natale e che restava nel cassetto inutilizzata.

app-gestione-spese

Mi sembra ancora di sentire il profumo delle mele cotte, mentre mia nonna scriveva con la sua grafia incerta da inizio secolo. In anni più recenti l’evoluzione del quaderno dei conti di casa è stato il Kakebo. 

Kakebo-app

Il libro dei conti giapponese è diventato di gran moda perché mostra, con una grafica accattivante, un’epica battaglia mensile tra il maialino risparmioso e il lupo spendaccione.

Ricorda quell’attimo a INTELLIGENZA FINANZIARIA in cui Roberto fa alzare la mano ai braccini corti e alle mani bucate.

Per quanto bello e utile sia il Kakebo, con il tempo passa la voglia di aggiornarlo. Non è da tutti infatti conservare gli scontrini e ricordarsi di registrare settimanalmente o mensilmente ogni spesa nella giusta categoria e non ci dà un controllo immediato dell’andamento dei nostri conti.
Anche il Kakebo si è modernizzato ed è nata la versione kakebo app. L’ho provata ma devo ammettere a malincuore che sebbene la grafica sia semplice e lineare, l’uso non lo è altrettanto.

Perciò oggi evolviamo anche noi.

Tre semplici App per la gestione delle spese.

Tra tutte le App per la gestione delle spese familiari che ho provato nel corso degli anni, quelle con cui mi sono trovata meglio sono: MoneyPro, MoneyTarget e MoneyCoach.

App-gestione-spese

Di sicuro tu avrai la tua preferita e saprai suggerirmene altre, per questo non ti propongo la classica recensione alla Salvatore Aranzulla, ma ti spiego quali sono stati i miei criteri di selezione:

  1. Innanzitutto sono tutte in ITALIANO, non perché voglia scartare a priori l’inglese, ma perché alcune nostre categorie di spesa non sono contemplate nelle App in lingua inglese.
  2. Sono MOLTO intuitive! Su questo sono stata “talebana”: se non capivo il funzionamento in tre minuti passavo oltre.
  3. Tutte ti consentono di registrare entrate e spese scegliendo la categoria a cui attribuirle, ad esempio: alimentari, abbigliamento, trasporti, affitto, utenze e così via; e offrono la possibilità di implementare con nuove categorie in base alle tue specifiche esigenze. Io, ad esempio, ho aggiunto la voce PAC (piano d’accumulo) tra le uscite mensili. Chi ha già frequentato INTELLIGENZA FINANZIARIA sa quanto sia importante pagare prima se stessi e il valore di farlo nel tempo.

Tra le tre App per la gestione delle spese di casa una menzione particolare va a MoneyTarget (l’unica a pagamento:0,99€), perché lavora con le logiche che insegniamo al corso.

Money Target App, oltre a permetter la divisione delle spese per categorie, le classifica già in:

  • Essenziali
  • Stile di Vita
  • Risparmio

Per capirci: la colazione al bar è classificata Stile di Vita, la benzina per la macchina Essenziale.

Inutile dire che per qualcuno il caffè al bar è Essenziale ma, per fortuna, la App non consente modifiche! 😉

Quindi se vuoi sapere dove vanno a finire i tuoi soldi, ogni volta che incassi o spendi, prendi il telefono, apri la tua app e registra subito il movimento nella giusta categoria.

Si tratta solo di una piccola nuova abitudine.

Quando a fine mese vedrai dove sono andati a finire i tuoi soldi saprai più chiaramente anche come risparmiare. Certo non è romantico come il quaderno dei conti della nonna e il profumo delle mele cotte, ma di sicuro è molto pratico.

Giorgia Ferrari

26 commenti

  1. Agostino

    2 anni fa  

    Ciao, ottime dritte!
    Ne approfitto per segnalare anche l’app di Numilia (https://www.danea.it/software/numilia/), che sto usando da mesi, ed è ottima.

    Numilia è uno dei prodotti di Danea (software che consigliò lo stesso Roberto durante uno dei suoi incontri di Intelligenza Finanziaria).

    Ciao!
    Agostino


    • Giorgia

      2 anni fa  

      Ciao Agostino, grazie della tua segnalazione. Numilia è molto pratica è vero e adatta a liberi professionisti.


  2. Cristoforo

    2 anni fa  

    Ciao e grazie,
    avevo già installato “EURI” ma poi non l’avevo più provata… vedrò di recuperare
    Intanto vi segnalo anche questa altra ottima APP consigliata da un amico e che ho provato per alcuni mesi: https://www.fastbudget.it/index-it.html

    Ciao
    Cristoforo


    • Giorgia Ferrari

      2 anni fa  

      Funzionale anche Fastbudget, grazie Cristoforo.


    • Giorgia

      2 anni fa  

      Grazie Cristoforo, hai ragione fast budget è ben curata nella grafica. Perché ora non la usi più?


    • Giorgio

      2 anni fa  

      Appunto Cristoforo, perchè non la usi più???

      Credo di essere l’amico che te l’ha suggerita, la uso tutt’ora ed in vista del nuovo anno stavo pensando di testarne altre per migliorare l’analisi… ma tu perchè l’hai abbandonata?


  3. Simone

    2 anni fa  

    ciao…ho appena installato da due giorni l’app EURI e devo dire che è facilmente usabile e molto utile per imparare a gestire le proprie finanze…grazie per il consiglio!!!!


    • Giorgia

      2 anni fa  

      Grazie a te Simone, tienimi aggiornata su come prosegue ?


  4. Gennaro

    2 anni fa  

    Money Target è solo per apple….proviamo le altre, noi di android!Grazie


    • Giorgia Ferrari

      2 anni fa  

      Tanta stima a voi di Android, Gennaro.
      Noi della mela a volte siamo un po’ di parte 😉


  5. Giorgia Ferrari

    2 anni fa  

    Tanta stima a voi di Android, Gennaro.
    Noi della mela a volte siamo un po’ di parte 😉


  6. Luca

    2 anni fa  

    Prova anche AndroMoney ( per android ,-) !!) molto funzionale e completa


  7. Giandomenico

    1 anno fa  

    Ciao a tutti,
    Sarebbe bello avere la possibilità di sincronizzare i dati di entrare e uscite tra 2 smartphone, in modo da compilare indipendente io e mia moglie ognuno la propria app e ritrovare i dati uniti a fine mese.
    Ciau!


    • Giorgia Ferrari

      1 anno fa  

      Ciao Giandomenico,
      MoneyPro si può sincronizzare.
      Non ho ancora provato ma ho visto che è possibile.


  8. Piermichele Borraccia

    11 mesi fa  

    Usando una di queste app suggerite, io ad esempio vorrei provare Money target, devo considerare un PAC tra gli essenziali o stile di vita? Mi sembrava di aver capito che Roberto o tu Giorgia, non ricordo, aveste suggerito di conteggiare anche quelle e poichè tra le categorie già esistenti non esiste una voce investimenti o risparmi, pensavo di crearla, ma non so come è corretto categorizzarla.

    Ciao e grazie


  9. Piermichele Borraccia

    11 mesi fa  

    Ciao Giorgia hai aggiunto la categoria PAC tra gli “essenziali” o tra gli “stili di vita” ?


  10. Giorgia Ferrari

    11 mesi fa  

    Ciao Piermichele,
    se usi MoneyTarget puoi aggiungere la voce PAC tra gli essenziali.
    È corretto considerarla una spesa necessaria se la usi per accantonare il 10% delle tue entrate secondo il principio del “prima paga te stesso”.

    Buona gestione e buona giornata,
    Giorgia


  11. Kakebo App

    5 mesi fa  

    Ciao, vorrei segnalare Kakebo, un’app per la gestione delle spese giornaliere, ispirata all’omonimo metodo giapponese, che aiuta a gestire i propri soldi in maniera oculata. Per valutare le sue funzionalità visita il sito web all’indirizzo http://www.appkakebo.it
    mentre l’app per android la trovi su google play store all’indirizzo https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rellowteam.appkakebo


  12. Andrea G.

    1 settimana fa  

    Buongiorno cara Gio, ricollegandomi al tuo articolo ed avendo provato per tutto l’anno un’app, mi sento di straconsigliarla a tutti.
    L’app si chiama MoneyLover!
    E’ pratica, semplice, carina e soprattutto condivisibile con altri dispositivi così io e mia moglie riusciamo a tenere sotto controllo entrate/uscite in tempo reale 😉
    Una buona giornata, ti abbraccio!


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Ciao Andrea!
      Davvero carina hai ragione.
      Mi dai l’occasione per aggiungere che anche Money Pro è condivisibile con altri dispositivi, aspetto tecnico fondamentale per la gestione a livello famigliare.
      Grazie.
      Un abbraccio.
      Gio


  13. Giuseppe

    1 settimana fa  

    Uso IPase da almeno 3 anni (4 se non avessi rotto l’hard disk del PC e non avendo fatto salvataggi ho perso tutto) devo dire che mi sono trovato bene da subito è intuitivo e facile da usare nel 2019 l’ho usato sincronizzato con lo smartphone per cui quando torno a casa e apro la app da PC mi ritrovo già i dati inseriti. Io lo uso su Android 😆. Dato che mi avete incuriosito dal 2020 proverò qualche altra app. Suggerisco comunque di non mollare dopo il primo mese di utilizzo, perché a fine anno ci si rende conto di quante spese superflue tagliare.


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Bravissimo Giuseppe,
      consiglio più che utile!
      Avere almeno un anno sott’occhio dà un ottimo quadro delle proprie abitudini di spesa.

      Buona serata,
      Gio


  14. Anna Scolletta

    1 settimana fa  

    Ciao a tutti, ho letto con interesse le Vs chat …, e sono molto tentata di scaricarne una anch’io!
    Però mi è sorto un sospetto: ma quanto sono sicure???
    In fondo vi si immettono dati sensibili, e sicuramente appetibili per qualcuno….
    Non voglio essere polemica, ma cerco delle risposte


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Ciao Anna,
      aggiungo a quanto ti ha già risposto Giuseppe che in queste APP non colleghi il tuo conto bancario, ma semplicemente digiti incaselli delle spese nelle varie categorie.
      Diverso il caso delle App che dialogano direttamente con la tua Banca, da selezionare con scrupolosa attenzione.
      Tra quelle consigliate c’era Oval di cui ho scritto in questo articolo: https://www.robertopesce.com/intelligenza-finanziaria/risparmiare-facile-moneta-digitale/.

      Grazie,
      Giorgia


  15. Giuseppe

    1 settimana fa  

    Ottima domanda Anna all’inizio anche io ero molto scettico ma volendo queste app si possono utilizzare anche Off-line, ed in questo caso rimane tutto sul tuo Pc così hai la certezza che nessuno possa sbirciare.


  16. Gregorio

    1 settimana fa  

    Per Android, io mi trovo molto bene con wallet. Anche la versione gratuita è completa.


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco