P/E (Prezzo/Utile per azione)

Rapporto tra la quotazione (prezzo di mercato) dell’azione di una società e gli utili per azione. Si esprime anche come rapporto tra la capitalizzazione di borsa dell’emittente e gli utili conseguiti. E’ noto sia come Price/Earnings (P/E) sia come Prezzo/Utile per Azione (P/U). Indica quante volte il prezzo dell’azione incorpora gli utili attesi e quindi quante volte l’utile di una società è contenuto nel valore che il mercato le attribuisce. Quanto più P/E è alto, tanto maggiori sono le aspettative degli investitori sulla crescita della società. Infatti, un valore elevato di P/E indica che il mercato è disposto a pagare molto per avere il livello di utili al denominatore, in quanto crede nella capacità dell’azienda di incrementarli ulteriormente. Nell’ipotesi di utili costanti, P/E rappresenta il numero di anni necessari all’investitore per recuperare il capitale investito.
E’ possibile calcolare diversi valori di P/E a seconda degli utili considerati: si parla di “trailing P/E” se si considerano gli utili realmente conseguiti dall’emittente e risultanti dall’ultimo bilancio di esercizio; si parla di “forward P/E” (o P/E anticipato) quando si considerano al denominatore gli utili attesi stimati dagli analisti per il primo anno successivo al momento della stima.
P/E è il multiplo più ampiamente utilizzato per i seguenti motivi:

  1. E’ una statistica intuitivamente attraente che collega il prezzo agli utili correnti;
  2. E’ semplice da calcolare e per la maggior parte dei titoli è ampiamente disponibile;
  3. E’ un’approssimazione di altre grandezze dell’azienda, quali crescita e rischio.

Questo indicatore presenta peraltro alcuni punti di debolezza:

  1. Ae esso si associa uno sfasamento temporale tra utile e prezzo (confronto tra un dato contabile e un dato di mercato);
  2. la politica gestionale e contabile seguita dal management delle società può, attraverso diverse politiche di ammortamento e accantonamento, influire sulla determinazione degli utili.

Il rapporto P/E non è un indicatore molto significativo per la valutazione delle società legate ad Internet e caratterizzate da una forte crescita. Infatti, per queste società i dati di bilancio annuale sono poco rappresentativi del tasso di crescita, che può subire incrementi trimestrali rilevanti (pari al 50% ed oltre). Per tener conto di questa crescita si considera un altro indicatore: “Price/Earning to Growth” (PEG).
Il valore medio di P/E con riferimento a tutte le azioni quotate sul mercato statenitense nel periodo 1981-1996 è stato pari a 17,5.

Reference: P/E (Prezzo/Utile per azione)

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
ACCEDI GRATIS ALLA COMMUNITY "EDUCAZIONE FINANZIARIA EFFICACE"

All'interno del gruppo segreto Facebook troverai Risorse Gratuite, Tips, Consigli, Dirette Video ... tutto per la tua formazione finanziaria!

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco