… e dopo solo 30 giorni di trading con il Forex guadagno oltre il 40% !!!

Riprendendo la narrazione esattamente da dove l’avevo lasciata alla fine dell’ultimo articolo (se non lo hai ancora letto CLICCA QUA per capire di cosa stiamo parlando), inizio quindi ad osservare il lavoro del mio robot non comprendendo assolutamente niente di quanto stesse facendo nè più in generale di quali fossero i parametri con i quali Massimo mi aveva impostato il tutto.

In effetti l’Expert Advisor sembra essersi avviato per il verso giusto iniziando fin dal primo giorno a macinare piccoli guadagni anche se un pò inferiori a quanto mi aspettassi sulla base delle indicazioni fornitemi da Massimo che a loro volta erano figlie della sua esperienza personale dei due anni precedenti. Massimo mi aveva infatti detto di aver configurato il robot con settaggi “prudenti in maniera da puntare ad un ritorno medio circa del 10% mensile sul capitale depositato (che, detta francamente, a me sembrava già astronomico e persino poco credibile…) per arrivare per effetto del meccanismo degli interessi composti al raddoppio del capitale nel giro di 6-12 mesi. Raggiunto tale obiettivo, la “fase 2” del nostro piano prevedeva il ritiro del capitale iniziale dal conto forex in maniera tale da azzerare il rischio sul capitale proprio e, detta con un linguaggio da casinò, poter continuare a “giocare con i soldi degli altri”.

A quel punto avremmo impostato i settaggi del robot in maniera più aggressiva prendendoci rischi maggiori (ma quali fossero questi rischi francamente al momento non lo avevo affatto capito…) puntando però a ritorni fantascientifici del 20-30% mensile!!

Stanti così le premesse della “fase 1”, da buon matematico, mi ero immediatamente fatto due conti e dopo aver attivato un servizio web di monitoraggio analitico del mio conto che mi forniva tutti i grafici e le statistiche possibili e immaginabili (una vera libidine per chi ama i numeri come il sottoscritto ^_^) controllavo spesso i risultati ottenuti aspettandomi di ottenere uno 0,5% di guadagno medio quotidiano (10% mensile diviso per 20 giorni lavorativi essendo il forex chiuso nei fine settimana) ma, come dicevo poco sopra, il robot guadagnava si ma meno delle aspettative soprattutto se paragonato a quello di Massimo che nel frattempo nello stesso mese viaggiava rapido verso il 20% di profitto.

Arrivo così al week-end dell’8 settembre dopo aver concluso la prima settimana completa di trading con i forex robot e con il conto in attivo del 2,58% relativamente alle operazioni chiuse ma con l’equity in leggero passivo dell’1,11% (l’equity tiene conto non solo delle operazioni chiuse ma anche del risultato temporaneo di quelle al momento ancora aperte) e, dopo essermi consultato con Massimo, decidiamo di modificare due settaggi rendendo il robot più aggressivo (e rischioso…) e così facendo arriviamo al momento più istruttivo di questo mio primo mese di esperienza con il forex e con i forex robot.

La settimana parte benissimo, i nuovi settaggi sembrano funzionare alla grande tanto che dopo 3 giorni il mio conto è ora sopra del 7,65% (equity 6,29%) quando improvvisamente le cose cominciano ad andare storte.

Molti cross iniziano a infatti muoversi in maniera super volatile a causa dell’annunciata clamorosa immissione di valuta sui mercati operata sul dollaro dalla Federal Reserve (Quantitative Easing 3 annunciato da Ben Bernanke il 14 settembre 2012) a cui fa seguito dopo pochi giorni una serie di comunicazioni di senso analogo operate da Mario Draghi e dalla BCE riguardanti l’euro e gli interventi in soccorso del debito pubblico di molte nazioni. In tale scenario il mio robot inizia ad aprire una serie di operazioni dietro l’altra che si avvitano in perdite via via crescenti tanto che nel giro di un paio di giorni mi rimangio quasi tutti i guadagni ottenuti fin lì ma soprattutto mi ritrovo con una serie di operazioni aperte in fortissima perdita (ad un certo momento il conto era virtualmente in perdita di oltre il 25% !!).

Da parte mia, fermo restando che se avessi perso i 4.000 € investiti inizialmente mi sarebbero girate molto le scatole ma non avrei apportato nessun danno significativo alle mie finanze familiari, mi ritrovavo combattuto tra due emozioni.

Da un lato il mio know-how di trading e di analisi tecnica mi diceva che, grafici alla mano, il robot stava probabilmente “sbagliando” in tale contesto e quindi mi sembrava opportuno intervenire manualmente per correggere la situazione che, se lasciata incontrollata, avrebbe potenzialmente potuto portare alla completa estinzione dei miei capitali stante la leva pesante con cui opera il forex (sul mio conto in quel momento 500:1), dall’altro lato però volevo continuare a “dare fiducia” all’Expert Advisor per testarne fino in fondo limiti e potenzialità. Il ragionamento che facevo era infatti che, se fossi intervenuto manualmente, oltre ad essere totalmente inesperto di Forex, avrei comunque falsato nel bene o nel male il risultato dell’operatività puramente robotica che avevamo seguito fin lì.

Chiudo il mio primo mese di operatività sul Forex (sistema misto robot + manuale) con un guadagno del 40,24% (equity – linea gialla = + 39,92%)

Il mio dubbio amletico fu tuttavia ben presto risolto da Massimo che, dopo avermi detto che nei molti mesi in cui stava utilizzando il robot non aveva mai visto fenomeni di volatilità così intensa e il conto avere perdite potenziali così alte (il mio solito culo penso io …), mi spiega però che in questo tipo di situazioni è necessario intervenire manualmente perchè sono proprio questi i contesti in cui l’intelligenza artificiale del robot mostra i suoi limiti. Condividiamo quindi un paio di idee strategiche dopo di che, ufficialmente autorizzato dal mio mentore di forex, metto finalmente le mie mani su mouse e tastiera e inizio a chiudere anticipatamente alcune delle operazioni impostate dal robot e ad inserirne altre per “correggere” le posizioni aperte e al momento in perdita pesante.

Di fatto, continuando a non aver ancora capito bene cosa diavolo fosse il forex, mi appoggio però a tutte quelle nozioni di analisi tecnica che i miei allievi dei corsi di base ma soprattutto del mio corso avanzato [workshop_what what=”494″ color=”navy”] (a proposito, le prossime date sono il [workshop_when what=”494″ color=”black”], consiglio fortemente di iscriversi a chi vuole far fare un significativo salto di qualità ai propri guadagni sul trading in azioni, ETF e, ovviamente, anche sul forex!!) conoscono o dovrebbero conoscere perfettamente: trend, ritracciamenti, supporti, resistenze, canali, analisi multi time-frame (fondamentale in questo contesto!) e così via.

Intervengo quindi con alcune operazioni “pesanti” relativamente alle dimensioni del conto ma dirette soltanto a correggere le situazioni aperte in forte perdita momentanea riuscendo piuttosto bene nel mio compito riducendo in un paio di giorni sensibilmente l’esposizione alla leva e riportando ampiamente le cose sul giusto binario se non fosse per un paio di stupidate che ho commesso causa inesperienza contestuale una delle quali è stata vedere il robot modificare alcuni suoi take profit dopo che gli avevo manualmente corretto e chiuso le operazioni più grosse e, pur giudicando i livelli di quei take profit inadeguati alla luce dello scenario che nel frattempo si era modificato, non essere intervenuto nuovamente ri-correggendoli a rialzo su livelli che mi sarebbero sembrati più appropriati e profittevoli.

Per farla breve, la settimana del 15 settembre termina con il conto che dopo aver incassato un pò di perdite è ora in attivo dell’ 1,59% sulle operazioni chiuse e sotto del 3,59% relativamente all’equity, e se subito questo risultato mi appare persino un pò deludente mi rinfranco immediatamente quando mi rendo conto di essere sopravvissuto ad uno “stress test” incredibile del sistema “Forex Expert Advisor” ed avere al contempo accumulato una preziosissima esperienza sul campo!

Quello che a me sembrava un risultato di poco conto risulta infatti clamorosamente positivo alla luce della mail che riceviamo dalla società proprietaria del robot che, dando prova di un’onestà commerciale e intellettuale ammirevole, si scusa con tutti i suoi clienti ammettendo il fatto che molti di essi hanno incassato perdite pesanti che in diversi casi hanno portato addirittura alla polverizzazione dei loro conti Forex (ops…)!!! Il fatto è, dicono loro, che una volatilità come quella vista in quei giorni non solo non era attesa ma non si era nemmeno mai verificata nei 13 anni precedenti su cui erano stati fatti ampi backtest e sulla cui esperienza storica era stato impostato l’Expert Advisor.

A tutti gli effetti avevo partecipato in diretta ed ero sopravvissuto alla grande a quello che loro definiscono “evento catastrofico” che aveva mostrato con chiarezza il limite del robot e il rischio insito in un sistema che, viceversa, mi era fin lì sembrato troppo bello per essere vero ma allo stesso tempo avevo anche testato con successo e persino migliorato le contromisure che Massimo mi diceva fin dal primo giorno era opportuno prendere in alcuni casi limite come quello che si era per l’appunto appena manifestato (come nota a margine di questa narrazione è peraltro importante sapere che i proprietari del robot stanno già ultimando di testare una nuova versione del robot che comprenda la difesa da “eventi catastrofici” come quello di cui abbiamo appena discusso e che questo aggiornamento sarà reso disponibile entro poche settimane da oggi).

Tornando alla mia esperienza personale, avendo a quel punto compreso piuttosto bene sia la natura del mercato del Forex sia la logica operativa del robot e ritrovandomi a quel punto con un conto corrente sopravvissuto all’estinzione ma anche “inquinato” dal mio intervento, decido quindi di dare continuità alla mia operatività individuale inventandomi letteralmente un modo inedito di operare che se da un lato replicava esattamente le cose che faccio e insegno nel contesto azionario, dall’altro ne stravolgeva completamente le regole di money management che ho sempre utilizzato imitando sotto questo aspetto la logica operativa dell’Expert Advisor.

Operando con fiducia e consapevolezza crescente man mano che passavano i giorni, ne è saltata fuori un’operatività mista sia robotica che manuale con l’Expert Advisor che continua instancabile nella sua opera aprendo e chiudendo alcune decine di operazioni ogni giorno di dimensioni tipicamente molto ridotte e con me che invece butto un occhio solo di tanto in tanto sui vari grafici mentre conduco la mia normale giornata lavorativa che può essere alla scrivania impegnata in attività di scrittura o di relazione con i miei clienti e allievi oppure di attività formativa in aula o addirittura outdoor. Nonostante quindi la mia presenza sul mercato sia intermittente e disordinata, quando vedo un’opportunità palese inserisco un’operazione di entrata in acquisto o vendita completa di una logica operativa che comprende sempre anche un livello di uscita (take profit), il tutto per una media di 2-4 operazioni al giorno a partire da grafici intraday ma che a volte si trasformano poi in posizioni multi day.

Beh, devo dire che questa accoppiata “Roberto + Robot” sta davvero funzionando alla grande perchè non solo mi sto divertendo moltissimo nell’esplorare questo nuovo mercato ma al contempo il conto riscontra quotidianamente crescite importanti se pensi che alla fine del mese di settembre sono in attivo di oltre il 40% come puoi vedere dall’immagine qua sopra.

Volendo essere completamente trasparente in questa mia testimonianza, sono ancora un pò perplesso rispetto al tutto perchè i risultati continuano ad arrivare con una facilità impressionante ma a questo punto anche con una certa continuità dal momento che anche il mese di ottobre sembra essere partito per il verso giusto e nonostante nella settimana appena trascorsa sia stato 3 giorni in trasferta e solo 2 in ufficio, sono ora in attivo del 55% (+ 53,5% con l’equity) e, detta tutta, non vedo l’ora che il mercato riapra dopo la pausa del week-end  ^_^ !!!

7 ottobre 2012, il conto è adesso in guadagno del 55,49% con equity a stretto ridosso !!

Che dire … sembra davvero che questa volta abbiamo identificato una gallina dalle uova d’oro di dimensioni davvero notevoli!!!

Visto poi che il mio lavoro principale non è poi il trading ma la formazione e che se troviamo qualcosa di valido mi sembra buona cosa condividerlo con amici e clienti, assieme a Massimo abbiamo concordato già per questo mercoledì 10 ottobre un primo corso pilota che comprenderà le basi del Forex, il know-how indispensabile per iniziare (lotti, pips, leva, rischio, money management, broker, VPS etc.) e l’operatività semplice tramite i robot, sia quello che stiamo attualmente utilizzando con successo sia altri validi tra quelli testati da Massimo negli ultimi 3 anni con le relative istruzioni e avvertenze d’uso.

Lo scopo di questo corso pilota, che sarà rivolto esclusivamente alle persone del nostro staff più qualche amico e parente a cui abbiamo voluto estendere l’opportunità di questo business, sarà quello di testare tempi e modalità di trasferimento del know-how sviluppato da Massimo e verificarne l’apprendimento e l’applicazione da parte di persone ai più vari livelli di competenza incluso il principiante assoluto che non ha la più pallida idea non solo di cosa sia il forex ma nemmeno di come funzioni il mercato azionario o di come si legga un grafico a candele giapponesi.

Sulla base di questa esperienza pensiamo di aprire abbastanza in fretta un’edizione dello stesso corso a chiunque desideri parteciparvi anche perchè dopo il follow-up del “Padre Ricco Tour” e lo scorso articolo del blog siamo già subissati dalle richieste di chi ci invita a sbrigarci nel rendere pubblico il tutto. L’obiettivo di questo seminario di base sarà quello di mettere chiunque in grado di ottenere un reddito completamente passivo a partire proprio da un ritorno medio mensile attorno al 10% senza però operare manualmente come invece sto facendo io. Come elemento di continuità post corso pensiamo di abbinargli un servizio di assistenza che preveda la traduzione di tutti i materiali dall’inglese, aggiornamenti sui robot più interessanti presenti sul mercato e, soprattutto,  i nostri consigli operativi quando e dove si rendesse necessario intervenire manualmente per correggere l’operatività puramente robotica in caso di eventuali futuri picchi di volatilità sui mercati.

Prendendomi invece un attimo di tempo in più per verificare ulteriormente, affinare e quindi sistematizzare in un format didattico l’operatività manuale che sto utilizzando personalmente con grande successo in queste settimane, è altresì molto probabile che al corso di base “Trading with Forex Robots” si possano affiancare altre iniziative più avanzate dirette a chi abbia passione e desiderio di operare anche in prima persona acquisendo un sistema che fino ad adesso sembra in effetti altamente efficace e redditizio. Relativamente a questa seconda iniziativa formativa che richiederà conoscenze avanzate di analisi tecnica, è altamente probabile che entro breve ne possa tenere una prima edizione offerta ad un costo super promozionale ma aperta soltanto agli ex-allievi della [workshop_what what=”494″ color=”navy”] che dovranno possedere almeno le basi di partenza del forex ma con i quali non dovrò rispiegare tutti i concetti già acquisiti allACADEMY ma semplicemente illustrare come adattarli al forex e utilizzarli all’interno di un money management fortemente innovativo rispetto a tutti gli insegnamenti che ho trasmesso finora.

E’ anche possibile che la partenza ufficiale della “Divisione Forex” possa essere preceduta da un webinar introduttivo gratuito atto a fornire a tutti gli interessati un pò di conoscenza iniziale e a rispondere a tutte le domande, obiezioni, scetticismi e curiosità che comprendo peraltro molto bene visto che io stesso faccio ancora fatica a credere ai risultati che stiamo ottenendo con queste prime settimane di operatività.

A risentirci presto quindi e, se vuoi portarti avanti con il know-how di analisi tecnica e di trading, non mancare di partecipare ai prossimo corso [workshop_what what=”488″ color=”navy”] che si terrà il [workshop_when what=”488″ color=”black”] a [workshop_where what=”488″ color=”black”], ma anche e soprattutto alla già citata [workshop_what what=”494″ color=”navy”]. Se invece li hai già frequentati, non mancare di ripassare con attenzione tutto il materiale didattico e accumulare più esperienza possibile, a breve potresti trovarti nella condizione di monetizzare tutta questa conoscenza in maniera inattesa.

In attesa di tutto ciò Massimo, io e a breve anche altre persone del Team andremo avanti con i nostri esperimenti e con la creazione dei migliori format educativi immaginabili.

Sono come al solito ben accetti IDEE, COMMENTI al post qui sul blog, DOMANDE, SUGGERIMENTI e anche OBIEZIONI se ne hai e, naturalmente, mi aspetto di sapere da te se le iniziative che abbiamo in mente di lanciare potrebbero vederti protagonista interessato.

Il confronto di idee è ufficialmente aperto e l’avventura Forex è iniziata !!!

Roberto Pesce

42 commenti

  1. lorenzo

    6 anni fa  

    grande Roberto

    se non ti avessi conosciuto al Vitality, penserei all’ennesima bufala acchiappa-sprovveduti-con-miraggi-di-folli-guadagni-in-maniera-facile-e-indolore.
    Devo dire che invece la tua persona mi ispira grande fiducia, sono interessato a saperne di più.

    auguro a te, a Massimo, e allo staff una splendida settimana
    Lorenzo


  2. Giuseppe

    6 anni fa  

    Ciao Roberto, grande come sempre. Io sono interessato a questo programma che state sviluppando, anche se ho sempre il mio problema del sabato…. Tanti cari saluti, Giuseppe.


  3. riccardo

    6 anni fa  

    Ciao Roberto,
    l’ultima volta che ci siamo visti,lo scorso inverno, parlando proprio del Forex, mi hai detto: “Lo vedo uno strumento più da “macchinette”, Max (Golfarelli)ci sta lavorando, lo vedo fiducioso, potrebbe uscirne qualcosa di interessante”.
    Quindi ci siamo? E’ sicuramente un argomento da approfondire….

    Un saluto a te, a tutto lo staff ed ai lettori del blog


  4. lorenzo

    6 anni fa  

    Roberto,

    qualche domanda per approfondire un pò:
    -sul grafico vedo che il deposito risulta di 400.000 euro e non di 4000. Siccome dubito che tu abbia testato un nuovo prodotto investendo una cifra così ingente (anche se, visti i risultati, te lo auguro…), a cosa si riferisce quel rapporto 1:100?
    -se avessi mantenuto il profilo prudente (quello che avrebbe dovuto garantire guadagni nell’ordine del 10% al mese), che impatto avrebbe avuto la “tempesta perfetta” di volatilità da cui siete stati investiti? avete fatto un back test per capire quale impatto avrebbe avuto in termini di rischio sul deposito?
    -ultima domanda: nel tuo +40%/mese, hai valutato quanto ha pesato il robot e quanto ha pesato Roberto? avete stimato quali guadagni abbia prodotto il robot nelle operazioni aperte e chiuse da lui, e quali guadagni abbia prodotto tu? Questo, ovviamente, escludendo le operazioni effettuate durante la “tempesta perfetta” … 🙂 mi pare che il settaggio aggressivo avrebbe dovuto in teoria lavorare sul 20-25%/mese, per cui ti chiedo se nelle ultime due settimane è in effetti stato così.

    grazie per l’attenzione e buona giornata a tutti
    Lorenzo


  5. Roberto Pesce

    6 anni fa  

    Decisamente ci siamo Riccardo!

    Per Lorenzo: grazie per le interessanti domande di approfondimento a cui vedo di dare sintetica risposta qua sotto.

    1) Per questioni di meccanica del robot, il conto funziona in “eurocent” quindi i miei 4.000 € versati sono diventati per l’appunto 400.000 eurocent, come scrivi tu sarebbe però stato bello aver guadagnato già più di 200.000 € in poco più di un mese e postare sul blog dalla spiaggetta maldiviana con un paio di massaggiatrici indonesiane al fianco … ^_^

    Li vedi sulla foto che ho postato in euro perchè il sistema analitico di monitoraggio che mi fornisce grafici, statistiche etc. non prevede la visualizzazione degli eurocent. In pratica le performance percentuali sono le stesse, gli importi assoluti vanno tutti divisi per 100.

    2) Su tutte le altre domande le risposte sono complicate perchè non ho dedicato tempo nè a fare il backtest che suggerisci (ma così ad occhio il conto avrebbe subito almeno una perdita del 50%, il discorso è un pò complicato da farsi in due righe per via della leva) nè a separare l’operatività puramente robotica da quella mia personale.

    Sempre ragionando un pò a spanne ti direi comunque che il robot si sta muovendo sempre nell’ordine del 10-15% di guadagno mensile (abbiamo rimesso nel frattempo i settaggi a livello di prudenza quasi massima) mentre il resto è farina del mio sacco.

    In effetti nel frattempo abbiamo riaperto un altro conto per un amica che non opera in prima persona e lì i risultati si muovono costantemente sui livelli di cui ti parlavo.

    In assoluto la logica su cui stiamo lavorando è comunque quella descritta nell’articolo ossia robot impostato prudente fino al raddoppio del conto quindi disinvestimento della somma iniziale e aumento dell’aggressività alla ricerca di guadagni maggiori consapevoli di prendersi un rischio più elevato. Anche con i nostri futuri allievi del corso di base imposteremo il ragionamento in questi termini anche perchè un pò di tempo ad osservare il robot senza far nulla ti permette comunque di capirne meglio la logica operativa e comprendere anche come intervenire se necessario.

    Più rischio/rendimento significa infatti anche tenersi pronti ad intervenire manualmente in maniera rapida ed energica se diventasse necessario e questo richiede quindi abilità e sangue freddo che sono cose su cui bisogna formarsi e fare esperienza.

    Quanto a me al momento sto continuando ad operare attivamente soprattutto perchè questo mi permette di capire sempre meglio come funziona e prendere familiarità con la “personalità” distinta dei vari cross, in linea di massima penso che appena avrò raddoppiato questo conto (obiettivo che se continua così dovrei raggiungere già a novembre) lo lascerò poi tradare per un pò solo con l’attività robotica per spostarmi con capitali un pò più ampi su un altro broker in cui invece operare solo manualmente (parte del know how importante raccolto da Massimo in questi anni è relativo proprio alle differenze importanti che esistono tra un broker e l’altro e a come utilizzarle a proprio vantaggio a seconda dell’operatività che si mette in campo).

    Direi di averti risposto (potevo quasi farci un nuovo articolo però …), continuate pure a domandare e intervenire con commenti e esperienze personali!

    A presto, buon trading!

    Roberto


  6. lorenzo

    6 anni fa  

    grazie mille!
    tutto chiaro.
    L


  7. Massimo Golfarelli

    6 anni fa  

    Ciao a tutti,
    intervengo per aggiungere un’informazione alla risposta di Roberto a Lorenzo.

    Come già detto, stiamo lavorando su diversi fronti, uno è quello di riuscire a trovare un settaggio che permetta al robot di lavorare da solo.

    Il 12/09 … proprio il giorno prima dell’evento catastrofico … ho aperto un conto reale di 1.000€ che ho settato nella maniera più prudente possibile. Da quando l’ho aperto non ci ho mai messo mano, ha lavorato solo ed esclusivamente il Robot.
    Questo conto perciò ha attraversato in pieno la tempesta e sta comunque ottenendo un 11% mensile con un drawdown massimo molto contenuto del 4,6%.

    Questo settaggio sembra funzioni molto bene, ma è ancora troppo presto per dire se possa effettivamente lavorare in autonomia senza mai intervenire … dobbiamo lasciar passare qualche mese e qualche altro “evento catastrofico” … ma in questo periodo non ci mancano certo le casistiche, tra la Spagna, la Grecia, i discorsi di Draghi direi che possiamo fare un ottimo test 🙂

    Da questo link è possibile vedere il conto con le operazioni eseguite e in corso (si aggiorna ogni 5 minuti), lo lascerò pubblico per qualche giorno così potete dargli un’occhiata:
    http://www.myfxbook.com/members/Golfamax/massimo-golfarelli-envy-1000/393292

    Ciao
    Massimo Golfarelli


  8. Lorenzo

    6 anni fa  

    Questa è un’iniziativa fantastica! Grazie Massimo
    Buona giornata

    Lorenzo


  9. fzanti

    6 anni fa  

    buongiorno blog, 30 giorni non sono pochi per valutare la bontà di un sistema ?


  10. Roberto Pesce

    6 anni fa  

    Certo Fzanti, infatti il sistema è tutt’ora in fase di test, sto perfezionando le tecniche che uso e un pò alla volta lavorerò anche per sistematizzarle per poterle insegnare e permettere a chiunque di guadagnare in questo modo.

    Il punto didattico è infatti quello di tradurre della competenza anche inconscia che utilizzo (hai presente quando si dice “ad istinto penso che qua succederà questa cosa …”) in regole, procedure e principi schematizzabili ed applicabili nella maniera più semplice possibile che è l’altra chiave di un sistema di successo, viceversa è solo talento individuale o, se vuoi vederla in maniera pessimista, persino fortuna sfacciata di un momento 😉

    Ho però già iniziato a condividere questi risultati qui sul blog e in maniera informale anche su Facebook perchè i risultati sono davvero clamorosi e sorprendenti per cui l’entusiasmo si fa fatica a contenere.

    Considera che a fine settembre (un mese di attività) come vedi dalla prima foto postata ero al 40% circa, a domenica 7/10 (seconda foto) al 55% e adesso (su facebook vedi gli aggiornamenti di ieri) ho passato il 72% di profitto … insomma la cosa fa pensare e vorrei che anche chi mi legge si ponesse delle domande e iniziasse a ragionare sul fatto che qualcosa di moooolto interessante sembra apparso nel radar ^_^

    Per il resto … lasceremo parlare al futuro.

    Ciao e continua a seguirci.

    Roberto


  11. lorenzo

    6 anni fa  

    Ciao Roberto,
    solo una curiosità: il robot continua ad essere impostato prudente? oppure hai cambiato qualche setup?


  12. Massimo Golfarelli

    6 anni fa  

    Ciao Lorenzo,
    se parli del conto che ho pubblicato, il settaggio è (e rimarrà così fino al raddoppio) prudente e finora sta funzionando completamente in automatico.
    Se invece parli dei risultati di Roberto, sta usando il Robot con settaggi che variano di settimana in settimana (in base alle condizioni del mercato) ma soprattutto sta intervenendo anche manualmente con operazioni suggerite o dall’operatività del robot o da sue competenze (come ha spiegato nel post dell’11/2012).
    Ciao
    Massimo Golfarelli


    • Lorenzo

      6 anni fa  

      ciao Massimo

      grazie per la risposta dettagliata.
      In effetti era chiaro che Roberto stesse facendo grandi performance grazie alla sua abilità di trader, la mia domanda era riferita al fatto se il robot fosse stato modificato nei settaggi visto che era passato da un +40 al mese ad un +30 in 12 giorni. Volevo in sostanza capire se questo ulteriore incremento nelle performance fosse tutta farina del sacco di Fish oppure se anche il robot stesse lavorando in maniera più aggressiva.

      riguardo al tuo conto, ti ringrazio nuovamente per la risorsa che hai messo online, ed ho capito lo spirito dell’impostazione: rendere il robot prudente al massimo per testare se possa lavorare in totale autonomia. E devo dire che la curva dell’Equity rende davvero bene l’idea di quanto questo settaggio sia equilibrato e robusto: la curva equity segue fedelmente la curva delle operazioni chiuse, senza drawdown significativi. Bene, davvero un bel lavoro. Complimenti.

      buon WE
      L


    • Roberto Pesce

      6 anni fa  

      Ciao Lorenzo, no, il mio robot dopo le vicissitudini di cui ho raccontato nel post è tornato ad essere impostato in maniera molto prudente e per un pò non ho intenzione di cambiarne i settaggi, sono io che invece mi sono dedicato un pò di più (questo tipo di trading che sto facendo richiede che sia in ufficio durante la giornata per cui alterno momenti di impegno a momenti di assenza dal trading attivo) e son oanche diventato più deciso, preciso e aggressivo pur rendendomi conto di muovermi ancora in maniera poco organizzata.

      In effetti tra giovedì e venerdì scorsi ho anche fatto una serie di stupidate che mi sono costate il primo giorno negativo (venerdì in cui sono sceso dal 75% che avevo raggiunto proprio lo stesso giorno all’attuale +72% sulle operazioni chiuse) e che di fatto però devo ancora finire di gestire avendo alcune situazioni aperte al momento in perdita abbastanza marcata pur se tutt’ora recuperabili.

      Vediamo come va a finire, vi tengo aggiornati appena chiudo questa sequenza di operazioni, per il momento diciamo che il mercato mi ha mandato l’avvertimento di non diventare troppo autocompiacente … cose che succedono frequentemente nel trading.

      A presto quindi! Roberto


  13. Marco

    6 anni fa  

    Ciao Roberto,

    da qualche settimana,dopo aver operato con soddisfazione sugli spread btp/bund, mi sono intrippato con il forex, e dopo qualche notte di ricerche avevo deciso che vale la pena operarci. Avendo però seguito il tuo corso a Reggio Emilia ho anche pensato che prima è meglio condividere con che ha già fatto esperienza reale.

    Alcune domande/considerazioni:

    – ho capito che la scelta del broker è fondamentale, lo stesso algoritmo con commissioni diverse può passare da vincente a perdente, dopo qualche ricerca sto pensando o Pepperstone Razor oppure Alpari Pro, ma un tuo parere mi piacerebbe (vedo che usi TradeFort).
    – di Forex Robot ne ho visionati su myfxbook a decine, un paio che mi sembrano buoni li avrei trovati ma se fosse possibile acquistare il vostro sarei anche più tranquillo
    – La mia filosofia “fai fare le cose a chi le sa fare meglio di te e dagli la sua parte” mi sta facendo propendere per gli strumenti PAMM/MAM, ma non ne ho ancora trovati che mi soddisfino, tu fai qualcosa in questo senso?
    – Ultima: FAI UN CORSO ANCHE IN LOMBARDIA OPPURE DI SABATO CHE MI ISCRIVO!!

    Grazie e a prestissimo

    marco


    • Roberto Pesce

      6 anni fa  

      Ciao Marco, ben ritrovato!

      Al momento uso Trade Fort perchè questo robot ha bisogno di un conto in eurocent e non ce ne sono moltissimi ma è possibile che presto ci si orienti su uno diverso così come lo stesso TF non è invece il massimo per fare trading manualmente.

      Le tue considerazioni sui broker sono condivisibili e proprio il discorso dei broker sarà uno degli argomenti che verranno curati con grande attenzione in occasione del primo corso sul “trading con i robot” che vorremmo mettere in calendario già prima di Natale, quasi sicuramente a Reggio Emilia e di durata però ancora da definirsi, forse 1 giornata piena + follow-up magari online … vedremo entro breve di definirlo perchè stiamo cercando il miglior equilibrio tra il tempo necessario per poter sviluppare la didattica nei tempi necessari e il maggior contenimento possibile dei tempi e dei costi per gli allievi partecipanti.

      Aggiornamenti a breve, ciao.

      Roberto


  14. Stefano

    6 anni fa  

    Ciao Roberto, finalmente vedo con piacere che anche tu sei entrato nel mondo del Forex. Mi sembrava impossibile che con la tua grande conoscenza di analisi tecnica e la “costruita disciplina” nel trading non avessi intrapreso la via della super speculazione.

    Io sono l’amico di Alessandro Rizzati, il trasfertista congolese che lavora in piattaforma che sta facendo con te il trading accademy. Feci assieme a lui il corso di intelligenza finanziaria a Reggio, ricordi?

    E’ molto interessante questa tua iniziativa sul Forex.

    Faccio trading su questo mercato già da diversi anni, ma diciamo che ancora non ho trovato il giusto equilibrio tra la componente manuale e quella automatica. Ho provato diversi robot, ma continuo a seguire una strategia manuale, a volte profittevole a volte un po’ meno.

    Seguirò con molto interesse gli sviluppi di questo tuo progetto sperando di poter condividere queste nuove “scoperte” in un mercato che ha notevoli potenzialità per guadagnare ma un rischio altissimo se non si è più che preparati oltre che tecnicamente anche psicologicamente.

    Sono sicuro che tratterai quest’argomento con tutte le cautele del caso, conoscendo la tua professionalità e la grande onestà che ti contraddistingue in questo ormai popolato ambiente di “squaletti e guru” del trading.

    ……..Ti seguo……Ciao


    • Roberto Pesce

      6 anni fa  

      Ciao Stefano, ti ricordo molto bene, è un piacere risentirti!

      Assolutamente si, prudenza, cautela e gestione del rischio anche attraverso un rigorso money management sono e saranno la nostra prima cura in un mercato come questo che, a causa della leva spropositata che utilizza, genera facilmente eccessive illusioni di guadagno a fronte di rischi sovente non opportunamente identificati dai neofiti.

      A risentirci quindi e bentornato sul blog!

      Roberto


  15. jAM

    6 anni fa  

    salve,

    forex……..ma per favore! Opero da 30 anni e sconsiglio di operare in mercato NON REGOLAMENTATO come questo.

    Grazie


    • Roberto Pesce

      6 anni fa  

      jAM, messaggio ricevuto ma come appare evidente abbiamo un’opinione diversa dalla tua 😉

      A beneficio di chi ci legge, è comunque vero che il forex è ad oggi un mercato OTC, ossia non regolamentato come quello borsistico e su questo aspetto della questione occorre prendere le dovute cautele così come è vero che non è facile orientarsi nella miriade di broker disponibili alcuni dei quali sono dei veri e propri piranhas in agguato per divorare i risparmi degli incauti trader improvvisati.

      Dopo aver in questi anni aperto conti e testato con denaro vero e sulla propria pelle una quarantina di broker diversi, una parte importante del know-how sviluppato da Massimo Golfarelli verte proprio su questo aspetto sollevato da jAM magari in maniera un pò lapidaria.

      A risentirci,

      Roberto


  16. Sandy

    6 anni fa  

    Ciao Roberto,
    volevo chiederti se con il Forex
    è possibile perdere
    oltre il capitale investito di partenza.
    Grazie
    Cordiali saluti
    Sandy


    • Roberto Pesce

      6 anni fa  

      Ciao Sandy, no, non è possibile perchè quando l’uso della leva applicata ad operazioni che si stanno muovendo in direzione contraria a quella auspicata ti causa perdite gigantesche che ti conducono vicino alla completa estinzione del conto il broker ha il diritto di chiudere autonomamente alcune o anche tutte le posizioni aperte e di fatto arginare la situazione.

      Diciamo quindi che la cosa peggiore che ti può succedere è la perdita di tutto il tuo capitale iniziale e l’estinzione del conto, il che peraltro mi sembra anche già abbastanza tragico, non credi?

      Un saluto e continua a seguirci.

      Roberto


  17. Fabio

    6 anni fa  

    Ciao Roberto e ben trovato Massimo!
    Questo esperimento, che mi viene spontaneo definire di “Cyborg trading” é veramente interessante e mi piacerebbe rimanere aggiornato sugli sviluppi! Grazie anche a Massimo per mettere on line l’avanzamento dei risultati del suo “robot”; come neofita totale é illuminante [anche se non comprendo tutto :-(]. Volevo fare sia a Roberto che a Massimo una domanda (forse banale): con le piattaforme robot si può operare solo con le valute o anche su commodities? E che mi dite delle opzioni binarie? Grazie per le vostre risposte. Un buon week end!


  18. Giovanni

    6 anni fa  

    Ciao Roberto, finalmente alcuni articoli interessantissimi sul trading e su forme più evolute di investimento. Sono interessato ad approfondire la materia che già conosco in parte: abbinare l’analisi dei grafici con redditi completamente automatici mi affascina. Ti seguirò nei prossimi passaggi.
    Grazie per la tua formazione sempre puntuale, semplice e produttiva.
    Ciao


  19. Giandomenico G.

    6 anni fa  

    Mooolto interessante il fatto che i robot lavorino senza l’ausilio manuale. Tienici informati degli sviluppi perchè personalmente sto sbavando al pensiero di un 10% mensile senza lavoro….
    Ciau


  20. Enrico C.

    6 anni fa  

    Roby che dire, ti sento veramente molto carico e conoscendoti come persona piuttosto prudente non posso che trarne conclusioni super positive. Rimango quindi ansioso di novità soprattutto per il corso base che non richiede grandi operatività.

    Spero di leggerti presto.
    Enrico


  21. Andrea

    6 anni fa  

    Sul Forex non ho mai operato, ma i rendimenti mensili derivanti dal settaggio prudente che state conseguendo, mi sembrano già stratosferici. Ancor più invitante, arrivati a ritirare almento il capitale inizialmente investito, il fatto di “giocare con i soldi degli altri”, impostando un profilo dirischio/rendimento più aggressivo.
    Ti chiedo inoltre: secondo te, quale potrebbe essere il capitale minimo (data l’ampia leva, veramente minimo: es. 500€/1000€ o più ?) richiesto per tale operatività (“automatizzata”), tenuto conto del costo del robot e delle commissioni del broker, oltre all’investimento personale nella formazione?
    Grazie e in bocca al lupo per i vostri “esperimenti”.


  22. Roberto Pesce

    6 anni fa  

    Grazie a tutti per l’apprezzamento, questi articoli sul forex hanno suscitato davvero un entusiasmo notevole, bene!!

    Se volete, seguite anche il mio profilo personale su Facebook in cui posto in maniera più rapida e informale i vari aggiornamenti del conto forex il cui ritorno ormai ha passato la barriera del 75% in circa un mese e mezzo di attività.

    Per Andrea: esistono tantissimi robot di prezzi assai differenti tra loro, quello su cui ci siamo attualmente buttati e che abbiamo consigliato anche ai nostri collaboratori e amici che hanno fatto il corso pilota non è tra i più economici ma oltre a rendere molto bene è anche estremamente seguito con aggiornamenti settimanali, attivazione/disattivazione automatica dei vari cross in vista di notizie potenzialmente foriere di grande volatilità etc.

    Per operare con questo robot noi consigliamo di partire con un capitale comunque contenuto tra i 2.000 e i 4-5.000 € e poi seguire una logica di money management che spiegheremo nel dettaglio al corso e che include anche vari disinvestimenti via via.

    Alcuni nostri amici lo hanno attivato con solo 1.000 € che è davvero il logico minimo sindacale e sembra andare molto bene anche così, l’unica cosa è che metterne almeno 2.000 ti fornisce molta più protezione in caso di grandissima volatilità momentanea che è l’unico vera situazione in cui si va a rischiare delle perdite anche importanti.

    Questo tipo di operatività non prevede commissioni da parte del broker essendo il suo guadagno già compreso nello spread denaro-lettera e quindi i risultati generati dal robot o dall’operatività manuale vanno considerati netti (al lordo delle imposte ovviamente).

    Il costo della formazione sarà naturalmente a parte ma stiamo studiando la cosa per poter uscire con un primo seminario il più snello ed economico possibile (prima edizione probabilmente nel mese di dicembre) fermo restando che i rendimenti di cui stiamo parlando anche con i settaggi al minimo porteranno a break even l’investimento complessivo tra robot, formazione etc. in tempi brevissimi.

    A livello personale sconsiglio tuttavia di entrare in questa attività sul forex chi dovesse sentire per le proprie tasche e per la propria psicologia investimenti nel range 1.000-5.000 € particolarmente pesanti e onerosi trattandosi comunque di situazioni da considerare ad alto rischio – alto rendimento ma soprattutto estremamente volatili a causa della leva che si va ad utilizzare (i rendimenti stratosferici arrivano proprio da lì e i rischi conseguenti sono naturalmente l’altra parte della medaglia).

    A risentirci presto con nuovi aggiornamenti.

    Roberto


    • Andrea

      6 anni fa  

      Roberto, grazie per la risposta, veramente esauriente.

      Seguirò con interesse tutte le novità.

      A.M.


  23. Gianluca

    6 anni fa  

    Ho letto con grande interesse questo e il precedente articolo, relativo al Forex, oltre ad aver spulciato uno per uno i vari post e devo dire che effettivamente, per chi non ha avuto modo di seguire i corsi di Roberto, qualche dubbio potrebbe nascere.
    Ora naturalmente non stò qui a scrivere di aver scoperto l’acqua calda, nè a dare la classica “mano di coppale” a Roberto (come si dice in Toscana quando si vuol lodare qualcuno), perchè non sono nè un “lecchino”, nè un suo dipendente nè tanto menò uno che ha un tornaconto. Semplicemente sono un suo ex-allievo che ha ottenuto negli ultimi due anni risultati impensabili con le azioni e con gli ETF; il tutto applicando le tecniche che lui mi ha insegnato. Non stò qui a elencare i risultati, per chi avesse qualche perplessità dico semplicemente che i suoi corsi (che mi sono ampiamente ripagato) sono stati per me “ILLUMINANTI”!!
    Questa è solo la mia pura e semplice esperienza personale.
    Detto questo, aggiungo che parteciperò senz’altro ai corsi sul Forex, anzi stò già anticipando qualcosa vista la mia attività di sviluppatore software, perchè non c’è un minuto da perdere !!

    Ciao Roberto e spero che tu applichi anche a questi corsi la formula delle “Web coaching” a distanza (per quanto possibile).

    Saluti a tutti
    Gianluca


  24. Luciano

    6 anni fa  

    Ciao a tutti, anche io ero al corso di follow-up a reggio emilia.
    Mi è piaciuto subito molto questo argomento e anche conoscere Roberto e Massimo.
    Che dire, sono in trepida attesa per il corso dove ci insegnerete a fare tutto questo…
    Avete una data in programma???
    Ciao Luciano.


  25. Simone e Fabio

    6 anni fa  

    Ciao Roberto,
    non siamo molto attivi al forum,ma seguiamo sempre con molta attenzione ed interesse tutte le news letter che regolarmente ci invii.
    Ancora non crediamo a quello che hai pubblicato,siamo veramente soddisfatti e compiaciuti di quanto stai facendo per poter mettere in condizioni noi allievi di avere un ulteriore formazione riguardo al forex(non vediamo l’ora che tu ci dia la data del nuovo corso).
    Grazie alla tua formazione e alla tua professionalità,nei corsi di Intelligenza Finanziaria e Group trading academy,abbiamo iniziato a fare sul serio e stiamo ottenendo discreti risultati.
    Stiamo lavorando quotidianamente con geronimo,ed è uno strumento meraviglioso ed indispensabile,quindi siamo fiduciosi nel nuovo progetto del grande Golfarelli.

    Grazie $uper FI$H!!!!!!!!!!!


  26. valter

    6 anni fa  

    Ciao, sto leggendo proprio in questo periodo diversi libri di kiyosaki, mi è bastato leggere l’header del tuo blog per capire che erano argomenti affini, molto interessenta questa cosa del robot, io mi sono avvicinato al forex con un conto in apertura di 1.000 euro ma, non mi sento sicuro nell’operare, come invece faccio con azioni ed etf che però acquisto sul lungo periodo.

    attendo news, grazie


  27. Francesco

    6 anni fa  

    Ciao a tutti e un saluto a Roberto e Massimo,leggo solo ora l’articolo,sono molto interessato ai robot sul forex e ho letto qualcosa sul web, purtroppo il web sull’argomento è un “mare in tempesta” se ne trovano a centinaia di EA ed indicatori vari che promettono mari e monti, senza contare che il 99% delle informazioni è in inglese e per me che lo mastico poco prendere abbagli è un attimo;quindi una iniziativa come questa può essere solo un’ottima opportunità.
    Spero che anche questa iniziativa possa avvenire tramite un corso via web

    Un saluto a tutti e seguirò con interesse le novità


  28. Fabio

    6 anni fa  

    Ciao Roberto e Massimo,
    avete qualche novità sullo sviluppo di corsi ad hoc per il forex e l’utilizzo dei robot?
    Grazie e a presto!


  29. Antonio

    6 anni fa  

    Buongiorno Roberto,
    ho letto con interesse l’articolo sui robot sul forex.
    Vorrei quantificare bene le spese “vive” oltre al corso per poter essere operativi e il tempo necessario.
    Immagino bisogna effettuare le seguenti operazioni:
    1)seguire il corso.
    2)Aprire un conto in America.
    3)comprare un Robot (o più?).
    4)Fare un contratto per VPN ? (qualè è il suo costo e richieste?)
    5) Ho dimenticato qualcosa?
    Sai è importante sapere a quali spese si va incontro e di conseguenza un piano per il rientro delle spese e ci si augura dei rientri 😉 Saluti Antonio


  30. Roberto Pesce

    6 anni fa  

    Ciao Antonio, dopo questo articolo che hai commentato ho scritto ancora varie cose sul forex ed abbiamo anche già pubblicato la pagina di presentazione del corso che contiene la risposta a tutte le tue domande.

    Ti direi quindi come prima cosa di leggerti questo:

    https://www.robertopesce.com/trading/forex/corso-robot-forex-trading-costruisci-il-tuo-sistema-di-reddito-automatico-da-8-10-al-mese-e-trasforma-la-tua-vita/

    (che contiene anche i link per accedere ad un’ampia presentazione del seminario “ROBOT FOREX TRADING”)

    ma anche questo ulteriore articolo che risintetizza alcune informazioni e chiarisce meglio i rischi connessi all’operatività con i robot:

    https://www.robertopesce.com/trading/forex/corso-robot-forex-trading-costruisci-il-tuo-sistema-di-reddito-automatico-da-8-10-al-mese-e-trasforma-la-tua-vita/

    Un saluto e a presto,

    Roberto Pesce


  31. Claudio E

    6 anni fa  

    Ciao Roberto, ho interesse quanto prima a partecipare ad un tuo corso sul forex, il corso più vicino e quello di febbraio 2013 purtroppo! nel frattempo consigli qualche esercitazione aprendo un conto “DEMO” e scaricando dei robot free e provare ad operare col forex ? tipo °AVAfx°?


  32. Roberto Pesce

    6 anni fa  

    Ciao Claudio, porta pazienza e vedrai che con le feste di Natale di mezzo febbraio arriva presto. Aprire un conto demo e iniziare a prendere la mano con il forex certo male non può farti ma francamente non è nemmeno necessario più di tanto. Volendo leggiti qualcosa su tutto il know-how di base (lotti, pip, margine, leva etc.) così al corso su quella parte introduttiva puoi viaggiare liscio e concentrarti meglio su quella specifica dei robot.

    A presto, Roberto


  33. Giuliano Bianchetti

    5 anni fa  

    Ciao Roberto e a tutti i frequentatori del sito,
    il mio nome è Giuliano e voglio riportare la mia esperienza con gli investimenti nel Forex, iniziata nel 2011 quasi per gioco. Devo sottolineare, purtroppo, che la mia esperienza, a distanza di oltre due anni, si è rivelata drammatica.
    Iniziai a interessarmi al Forex grazie a un conoscente della mia città (Monza), il quale mi disse delle potenzialità incredibili della piattaforma e di come fosse possibile, anche senza conoscenze specifiche, guadagnare molti soldi. A quell’epoca lavoravo come dipendente di una società operante nel web design, guadagnavo davvero poco.
    Con un piccolo investimento (1500 euro) entrai nel gioco: inizialmente ebbi un piccolo guadagno (circa 100 euro dopo un mese di sali-scendi), dopodiché, lasciando fare al robot le cose andarono peggiorando molto rapidamente, grazie a una combinazione sfavorevole dei mercati.
    Un altro mese dopo i miei 1500 euro si erano ridotti a 278 euro, e volevo fare di tutto per recuperare. Così cercai di operare manualmente, ma con risultati scarsissimi.
    Dopo altri 15 giorni avevo perso tutti i miei soldi, oltre a molte notti insonni.
    La perdita mi fece soffrire molto, ma non era una perdita drammatica, nonostante le mie limitate finanze.
    Passato qualche mese ricominciai a studiare, per capire dove avevo sbagliato, e feci diverse ricerche su internet. Alla fine trovai il corso GROUP COACHING TRADING ACADEMY (ndR: Giuliano non parla del nostro corso, è possibile che faccia un pò di confusione con i nomi…) , che decisi di frequentare. Inutile aggiungere che il corso non era gratis.
    Sembrava che la possibilità di perdere tutti i propri soldi fosse praticamente un evento impossibile, se ci si fosse mossi con destrezza “anticipando” (sigh) i mercati.
    Mi fu inoltre suggerito di investire almeno 5000 euro, o possibilmente 10000 euro, in modo da massimizzare i guadagni. Non furono spese molte parole sui rischi dell’effetto leva.
    Decisi che era arrivato il momento di investire tutto quello che potevo, ovvero tutti i miei risparmi di oltre 15 anni di lavoro, 10000 euro e di dedicarmi il più possibile al Forex.
    Fin dall’inizio i risultati furono negativi, sia lasciando fare al “robot”, che cercando di correggere manualmente. Per un breve periodo riuscii a riavvicinarmi ai 10000 euro iniziali, e poco tempo dopo la situazione cominciò a peggiorare rapidamente. Nel giro di soli 23 giorni mi erano rimasti 723 euro, che decisi di togliere da Forex, entrai in depressione, cominciai a bere.
    Adesso sono passati ormai 6 mesi da quel bruttissimo periodo, e ho deciso di mettere in guardia tante persone da questo macchina infernale, che tanti sbandierano come un guadagno “facile e sicuro”, raccontando tante storie di grande euforia, ma praticamente nessuno che racconti la realtà nuda e cruda, ovvero che in realtà il Forex è molto simile al gioco d’azzardo del casinò.


    • Roberto Pesce

      5 anni fa  

      Ciao Giuliano, grazie per il contributo sincero su vicende che immagino debbano essere per te dolorose.

      Permettimi innanzi tutto di dirti che rispetto le tue perdite di cui mi dispiace molto anche se non hanno niente a che fare con quanto presentiamo ai nostri corsi sul forex e sui robot (a proposito, nel tuo commento parli di un corso che chiami GROUP COACHING TRADING ACADEMY, con chi lo avresti fatto? Te lo chiedo perchè, visto che non sei stato nostro allievo del corso omonimo che peraltro non si occupava di forex ma di azioni, o abbiamo un concorrente sconosciuto che ci ha copiato il nome del corso o, più probabile, penso tu stia facendo confusione con la nomenclatura visto oltretutto che si tratta di un nome da me creato personalmente e abbastanza originale …).

      Venendo al contenuto di quanto dici, purtroppo devo versare un pò di sale sulle tue ferite visto che non è assolutamente vero che “il Forex è molto simile al gioco d’azzardo del casinò” ma lo è invece il modo in cui tu ti sei rapportato allo stesso, evidentemente mal consigliato ma in ogni caso con tua responsabilità sulle tue azioni.

      Da come la vedo io ci sono stati almeno 4-5 errori gravi nel tuo operare:

      1) Hai iniziato “quasi per gioco” ma il trading non è un gioco bensì un business che ha delle regole ben precise e che vanno assolutamente conosciute prima di avventurarcisi
      2) In nessun campo è possibile “senza conoscenze specifiche, guadagnare molti soldi” … non è un concetto di trading ma di buon senso
      3) I forex robot sono strumenti interessanti e intriganti ma vanno capiti e conosciuti prima di operarli, pena generare proprio l’effetto “casinò” di cui parli. In effetti il vero motivo per cui facciamo un corso relativo a tale argomento è perchè non è sufficiente comperare un robot e installarlo per trarne dei profitti, bisogna prima sapere come utilizzarlo ed anche in tal caso (come ovvio altrimenti sarebbe una “macchina stampa soldi”) i rischi non si escludono mai del tutto
      4) Peggio che mai l’operare manualmente senza conoscenze e il tuo problema è stato che non avevi acquisito nemmeno le conoscenze super basiche del forex tra cui la leva e i suoi effetti …
      5) Tecnicamente parlando, nessuno cerca mai di “anticipare i mercati” che è pressochè impossibile, un pò tutte le metodologie cercano invece di “leggerli e seguirli” che è cosa totalmente diversa
      6) Il vero peccato mortale nel tuo racconto: “investire tutto quello che potevo, ovvero tutti i miei risparmi di oltre 15 anni di lavoro, 10000 euro” !! E’ stato questo il vero problema, se tu avessi fatto le stesse cose con cifre irrisorie (che nel tuo caso non avrebbero dovuto nemmeno arrivare a 1.000 €) le avresti perse comunque ma non avresti fatto altro che fare l’errore di tantissimi tra cui il sottoscritto ossia di essere stato inizialmente presuntuoso ed aver pagato la presunzione perdendo un pò di denaro, fastidioso ma non un dramma. Qui il problema è però a monte e ha a che fare con il non rischiare MAI qualcosa che non ci si può permettere di perdere, e questo vale nel trading come in qualsiasi altra attività imprenditoriale! Tecnicamente parlando si chiama “Money Management” e “Asset Allocation” e qualsiasi nostro allievo ti potrà dire quanto siamo persino fastidiosi nei nostri corsi a ribadirne l’importanza.

      Chiudendo mi auguro innanzi tutto che tu ti sia ripreso dalla botta e sia uscito dalla depressione e abbia abbandonato il bere che sai benissimo non essere soluzioni per niente.

      Io stesso ho perso grosse somme in passato nel trading e so cosa vuol dire moralmente ma l’unica via d’uscita la hai guardandoti dritto nello specchio e ammettendo che hai fatto una serie di errori per presunzione, avidità e leggerezza, so di essere duro nel dirti questo ma ti sto trattando da adulto ed è parte del mio lavoro come Coach trasmettere proprio questi insegnamenti che tuttavia spesso purtroppo impariamo solo dopo esserci scottati le mani e il portafoglio.

      Potrai tornare a fare trading oppure abbandonarlo per sempre ma questo non è un problema, la vera partita la devi giocare con te stesso ed è questa la responsabilità più grande che hai.

      A tua disposizione in caso volessi confrontarti in merito a questo nostro scambio di opinioni.

      Con rispetto e comprensione, Roberto


  34. salvatore

    4 anni fa  

    Carissimo Roberto, mi ispiri fiducia e allora sto prendendo in considerazione l’idea Forex.
    Però devo dirti:
    non so nulla di forex e non ho mai tradato. Partecipando al tuo corso della durata di un giorno ( Robot forex) sarò in grado di operare liberamente ed autonomamente, e produrre profitti, solo con l’uso del robot?


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco