Mediare a ribasso: come trasformare una perdita di borsa in una catastrofe finanziaria

Nello scorso articolo abbiamo parlato dei 3 ERRORI FATALI che impediscono agli investitori sprovveduti e non formati di guadagnare in borsa con costanza:

 – Comprare quando i mercati stanno scendendo (fase 4)
 – Non utilizzare gli STOP LOSS
 – Mediare a ribasso

Vediamo adesso questi 3 ERRORI all’opera contemporaneamente in uno scenario reale.

Guarda l’immagine qua sotto, si tratta del grafico di CITIGROUP (NYSE: C), una delle banche più importanti del mondo, per decenni uno dei titoli guida del Dow Jones. Il grafico raffigurato è a candele settimanali, sull’orizzonte temporale di 3 anni dall’estate 2007 all’estate 2010.

Immagina i tre errori uno in fila all’altro:

  1. Lo acquisti al prezzo di 40 $ per azione a ottobre 2007 perchè “è un titolo importante” e perchè è sceso in pochi mesi dal prezzo di 50$ che era il suo massimo recente (-20%). Immaginiamo sia un’operazione da 10.000 $ complessivi.
  2. Ovviamente non metti lo STOP LOSS (e perchè mai?) e non lo vendi in perdita (minima) quando vedi che il titolo invece di risalire sta scendendo ancora. D’altra parte sei una persona positiva…
  3. Quando il titolo è a 30 $ (dicembre 2007) sei sotto del 25% e perdi 2.500 dollari in valore assoluto. Sei comunque sempre una persona positiva e siccome hai una certezza granitica sul fatto che “non possa che risalire” decidi di mediarlo a ribasso comprandone altri 10.000 $ al prezzo attuale, portando così il prezzo medio a 35 $ ed avvicinando così il tuo punto di pareggio. Non rifletti sul fatto che la tua perdita da recuperare rimane comunque inalterata a 2.500 $ ma ora hai messo più soldi in ballo.
  4. CITIGROUP scende ancora e arriva a 20 $ (marzo 2008). La tua perdita su un valore investito complessivo di 20.000$ è ora del 41,7% ossia di 8.340 $ (!). Coerentemente con la tua logica di pensiero e sempre aiutato dai saggi consigli dell’amico dell’Ufficio Titoli, decidi di mediare ancora a ribasso e, per approfittare di questo ulteriore calo inatteso e portare ancora una volta il tuo punto di pareggio a metà strada, investi altri 20.000 $. Il prezzo di acquisto medio (punto di pareggio) è ora a 27,5 $. In effetti cominci ad avere qualche dubbio in mezzo alla tue certezze granitiche ma la tua positività (e la tua arroganza) prevalgono. D’altra parte stiamo parlando di un titolo importante che solo pochi mesi fa era a 50 dollari, e che diamine!!!
  5. Dopo una momentanea ed illusoria risalita, CITIGROUP scende ancora e tu medi per l’ultima volta per 40.000 $ aggiuntivi al prezzo drammatico e incredibile di 10 dollari!!! A questo punto è diventata una specie di prova di forza tra te e il mercato e il tuo atteggiamento, non propriamente positivo, è del tipo: “Muoia Sansone con tutti i filistei, piuttosto perdo tutto ma non mollo!!!” Nel frattempo siamo arrivati a novembre 2008, e i tuoi numeri dicono che stai investendo (ma meglio sarebbe dire che stai “mandando al macello“) 80.000 $ complessivi, hai un valore medio di acquisto a 18,75 $ (ma che bella cosa eh!) ma perdi un bel 30,2% sul totale ossia 24.170 $ quando il titolo è a 10 $. Rispetto a meno di un anno prima hai si abbassato notevolmente il prezzo medio, peccato tu stia però anche decuplicando le perdite
  6. Quando CITIGROUP raggiunge i 2 $ di prezzo nel febbraio 2009, hai già visto fallire Lehmann Brothers e centinaia di altre banche di minore importanza e sei sottoposto a mesi di martellamente psicologico da parte dei media che ti parlano di “recessione mondiale” e “crisi peggio del 1929” anche tu raggiungi il tuo punto di rottura, non fosse altro che per farla finita con le liti in famiglia e con  l’angoscia ricorrente delle nuove perdite che si accumulano giorno dopo giorno. Decidi di vendere tutto maledicendo la borsa, la sfortuna, le banche, i consulenti e qualche Santo che evidentemente non ti ama così tanto. In realtà stai mancando ancora una volta il bersaglio perchè dovresti prendertela soltanto con te stesso e la tua presunzione che, unita all’avidità, all’ignoranza e all’incapacità di ammettere i tuoi errori ti ha condotto a questo risultato. Ti rimangono degli 80.000 $ investitiche avevi fatto una fatica boia a risparmiare in decenni di sacrifici soltanto 11.166 dollari, sei riuscito nell’impresa di incassare una perdita di 68.334 $ ossia circa l’85%.

Niente male davvero … hai realizzato la tempesta perfetta riuscendo a moltiplicare di quasi 30 volte le tue perdite iniziali che non solo avresti potuto totalmente evitare perchè chiunque tra i miei allievi ti avrebbe potuto dire che a ottobre 2007 il titolo era senza ombra di dubbio in fase ribassista ma che se tu avessi messo un classico, banalissimo stop loss iniziale al -5% avresti potuto comunque  limitare uscendo dall’operazione dopo una o due settimane un pò infastidito con una perdita netta di … 500 dollari totali!!!!

Per la cronaca, CITIGROUP è poi sceso ancora fino quasi a 1 dollaro e, dal marzo 2009, ad oggi, mentre i mercati  complessivamente hanno recuperato la crisi per più del 60% rispetto ai propri massimi , continua a remare sul fondo in un range compreso tra 2 e 5 dollari.

Tornerà mai a 50 $? Ai posteri l’ardua sentenza …

Buon trading e … stai alla larga dagli errori fatali!!

Roberto Pesce

8 commenti

  1. Alex

    8 anni fa  

    questa è una stupidaggine perchè io ho mediato un sacco di volte e guadagnato decine di migliaia di euro. l unica attenzione è che si deve mediare sui titoli di qualità


    • marco

      6 anni fa  

      Ciao Alex….vorrei chiederti una cosa in privato….ti va?


  2. Roberto Pesce

    8 anni fa  

    Beh Alex, sono contento per te e per i tuoi guadagni passati ma probabilmente sei l’eccezione che conferma la regola oppure lo hai fatto in un periodo premiante a prescindere da quello che stavi facendo.

    Il distinguo che fai sui “titoli di qualità” ha una sua importanza (ma chi media a ribasso solitamente sa distinguere tra “titoli di qualità” e “titoli pieni di problemi”?) ma la questione non è tutta lì.

    Altri fattori importanti sono se il trend del titolo, se si tratti di singola azione oppure ETF, da che livello inizi a mediare e in che quantità etc.

    In sostanza, mediare a ribasso può anche e talvolta essere un’idea interessante ma solo in certi specifici contesti e se sei assolutamente consapevole di quello che stai facendo, della natura dell’azione e sei anche in assoluto controllo del tuo money management.

    Peccato che la mia esperienza di coach finanziario mi dica che il 97% delle persone che mediano a ribasso non abbia la minima idea di cosa io stia dicendo in quest’ultimo paragrafo e lo fa semplicemente perchè così gli sembra di avvicinare il prezzo di pareggio (il che, detta tutta, è comunque un’altra idea sbagliata) per cui ribadisco come sia assolutamente più intelligente e sano per il proprio portafoglio evitare la dannosa abitudine (nell’articolo successivo il discorso viene ripreso da altri punti di vista).

    Ciao e buon trading, Roberto

    PS: ti sarei grato se la prossima volta evitassi di bollare in due righe come “stupidaggini” le mie idee, chiunque su questo blog è libero di criticare e contestare quanto vuole le opinioni espresse dal sottoscritto o da altri purchè lo faccia articolando il proprio ragionamento e senza esprimere battute poco rispettose o trancianti a prescindere.


  3. maurizius

    7 anni fa  

    Mediare a ribasso non è mai una scelta ma una necessità, personalmente lo faccio gradualmente dopo lo stop loss sulle azioni in cui credo. E’ evidente che entrare quando le azioni salgano da maggiori certezze di piccoli guadagni a fronte del rischio di grosse perdite in caso di caduta del titolo. In questi mesi ne sono un esempio i bancari e FNM.


  4. Roberto Pesce

    7 anni fa  

    Mmm Maurizio, mi spiace contraddirti ma di “necessità” non parlerei proprio visto che nessuno ti obbliga a fare niente e sei sempre tu a decidere come operare.

    Credo però che ci sia un pò di confusione in quanto scrivi visto che stop loss e mediare a ribasso sono due procedure alternative e non complementari.

    Inoltre, la logica di qualsiasi sistema di trading è proprio opposta a quanto scrivi: vogliamo sempre chances di grandi guadagni a fronte di piccole perdite potenziali che rappresentano il rischio del business.

    Se posso permettermi, prendi in seria considerazione l’idea di venire a frequentare il corso INVESTIRE IN AZIONI E ETF (POSITION TRADING), credo ti potrebbe essere di grande aiuto nell’impostare una metodologia più in controllo e meno in balia dei capricci dei mercati.

    Trovi tutte le informazioni in merito qua:

    http://www.coachingfinanziario.it/investire_azioni/investire_azioni.php

    Grazie per l’attenzione.

    Roberto Pesce


    • raffaele

      6 anni fa  

      Ciao Roberto mi trovo nella situazione del blog…il 24 gennaio 2013 ho investito circa 100.000 euro sul titolo Nokia….il giorno stesso perde circa il 10% e medio al ribasso…,medio più volte nei giorni successivi e arrivo al momento ad avere un loss di 55.000 euro 17% con 320.000 investiti….la fiducia nel titolo c’e ma il trend e sicuramente negativo al momento….mi consigli di togliere tutto e di andare magari su un btp o su uno 0 coupon tipo il Comit 2028 e riprendere la perdita anche se dovrò aspettare anni? Grazie della risposta


  5. Roberto Pesce

    6 anni fa  

    Ciao Raffaele,

    grazie per la testimonianza e tutta la mia comprensione per la tua situazione difficile della quale provo a dirti qualcosa sperando che tu non lo ritenga irrispettoso.

    Al proposito, scusa per il ritardo in questa risposta ma hai commentato un articolo di quasi tre anni fa e c’era un pò sfuggito il tuo commento.

    Innanzi tutto mi mancano alcune informazioni importanti tra cui:

    1 – Su quale mercato hai tradato il titolo?
    2 – Di questa operazione hai citato i tuoi importi ma non so come si colloca nell’ambito della tua ASSET ALLOCATION che spero sia molto più vasta quantunque le cifre che citi qua siano molto importanti.

    Guardando il titolo su base settimanale nella sua quotazione USA, grafico alla mano, sembrerebbe suggerire un’area di rimbalzo rialzista per cui io al momento non lo venderei e questo giusto per dirti qualcosa anche se un pò alla cieca visto che so poco di te e della tua situazione complessiva.

    Ciò detto e, credimi, non per tirare acqua al mio mulino, ti consiglio di INVESTIRE URGENTEMENTE IN FORMAZIONE che ti costerebbe una cifra infinitamente piccola rispetto ai numeri che stai mettendo a rischio anche perchè proponi delle soluzioni confuse proponendo una sostituzione di un titolo azionario evidentemente comprato male e gestito peggio con uno obbligazionario che è cosa completamente diversa e dovrebbe servire a scopi differenti nel tuo portafoglio.

    Non so se prendi da solo queste decisioni oppure se ti consigliano ma, qualsiasi sia la fonte, la confusione appare sovrana ed è un peccato in quanto immagino che quel denaro messo a rischio sia frutto di risparmi e sudore.

    En passant, non mi esporrei pesantemente nemmeno su obbligazioni bancarie visto il periodo.

    Scrivimi privatamente se vuoi scambaire due parole al telefono, forse sarebbe il caso per confrontare le idee.

    Ciao e in bocca al lupo.

    Roberto


  6. Gerardo

    3 anni fa  

    Ottimo articolo.
    Concordo al 100% con quanto scritto.
    E complimenti per la chiarezza espositiva


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco