Idee di investimento per il 2012 (2a parte)

Seconda parte dell’articolo pubblicato la settimana scorsa con alcune idee di investimento per il 2012.

Come ho sottolineato nella prima parte, vengono evidenziati alcuni titoli quotati sulla borsa americana che, a detta degli esperti e dei consulenti intervistati, potrebbero regalare appassionanti performance nei mesi a venire.

Le valutazioni di partenza derivano essenzialmente da valutazioni “geo-politiche” e da analisi macro-economiche o fondamentali per cui invito a considerare tali idee come spunti da approfondire e non come “dritte” su cui gettarsi senza alcuna ulteriore valutazione.

Dal punto di vista del “timing”, lo ripetiamo ancora una volta a scanso di equivoci, è sempre opportuno verificare i grafici dei titoli seguendo le regole apprese ai corsi di [workshop_what what=”490″ color=”navy”] prossima edizione il [workshop_when what=”490″ color=”black”] a [workshop_where what=”490″ color=”black”] – o [workshop_what what=”488″ color=”navy”] prossima edizione il [workshop_when what=”488″ color=”black”] a [workshop_where what=”488″ color=”black”].

5) AT&T (NYSE: T)

Vecchio logo AT&T

Tutti conoscono il marchio AT&T – presente, in un modo o nell’altro, dal 1885. Originariamente American Bell aveva creato AT&T per fornire chiamate a lunga distanza tra New York e Chicago e oltre ma già nel 1899 AT&T è diventata la madre di American Bell e quindi la testa del Bell System, perché le norme regolamentari e fiscali erano più snelle a New York che a Boston, dove aveva sede American Bell. AT&T vende ancora ai clienti servizi di telefonia fissa vecchio stile, e tale attività è certamente in declino. Ma in realtà, dicono gli investitori, AT&T ha registrato progressi costanti nel traghettarsi verso l’era digitale. Le entrate del settore wireless di AT&T hanno rappresentato la metà dei suoi 94 miliardi dollari di entrate nei primi tre trimestri del 2011, contro circa un terzo nei primi mesi del 2007, dopo aver acquisito la piena proprietà di Cingular Wireless. E mentre i ricavi dell’attività ereditata di telefonia continuano a diminuire, la perdita è sostanzialmente compensata da ricavi del settore dati Internet e servizi via cavo, che è cresciuto dell’8 per cento nei primi tre trimestri del 2011. “Ogni Wi-Fi in tutto il mondo è collegato a una rete fissa da qualche parte“, dice Brian McMahon, co-gestore del fondo di investimento da 8,8 miliardi dollari Thornburg Investment Income Builder. Gli analisti di Wall Street si aspettano un fatturato dell’azienda che aumenti di un 1,4 % nel 2012, fino a 127,9 miliardi di dollari. La società deve ancora affrontare i rischi, naturalmente. Una doppia recessione potrebbe spingere ancora di più i clienti ad abbandonare i loro telefoni fissi, mentre li scoraggerebbe  ad aderire a quelli mobili. La società non ha più diritti di rete esclusivi per l’IPhone e recentemente ha abbandonato una delle sue più grandi scommesse strategiche, la sua proposta di fusione per 39 miliardi di dollari con T-Mobile, di fronte alle obiezioni dell’antitrust. Un portavoce dice che l’azienda sta lavorando per risolvere i problemi antitrust e che le sue vendite di IPhone hanno continuato a crescere nonostante la concorrenza estesa. E anche prendendo in considerazione le varie sfide, dicono molti analisti, che il rapporto dividendo/prezzo (yeld) pari al 6% sembra ancora attraente e sicuro. L’azienda è sulla buona strada per generare circa 36 miliardi di dollari in contanti nel 2011, sufficienti a coprire il pagamento dei dividendi e mettere ancora 20 miliardi di dollari nel business.

6) EXELON (NYSE: EXC)

Portfolio produzione Exelon per tipo di carburante

La paralisi della centrale elettrica giapponese di Fukushima Daiichi a causa del terremoto della scorsa primavera ha scosso la fiducia del pubblico nei confronti dell’energia nucleare ma dopo un esame preliminare da parte della Nuclear Regulatory Commission, le centrali nucleari negli Stati Uniti, che forniscono circa un quinto dell’energia della nazione, sembrano aver evitato nuovi e costosi aggiornamenti (o chiusura definitiva). Ciò significa che il processo di investimenti di base per il nucleare è ancora valido: i fornitori di energia nucleare possano beneficiare di azioni per frenare l’uso dei combustibili fossili. Questa può essere una buona notizia per la Chicago Exelon, la più grande produttrice di energia nucleare della nazione, con 17 reattori, in Illinois, Pennsylvania e New Jersey. L’azienda, il cui rapporto dividendo/prezzo al 5 % è uno dei più alti tra le compagnie elettriche statunitensi, potrebbe presto acquisire una quota di proprietà in cinque reattori, oltre a fornire attività di energia, se le autorità approvano la sua proposta di acquisizione da 8 miliardi di dollari della Constellation Energy. Una grossa magagna sull’immagine Exelon: i profitti recenti dell’azienda sono stati aiutati dalle azioni passate per coprire i prezzi dell’energia. Anche se le tariffe elettriche generalmente scadevano nel 2011, l’azienda ha venduto l’energia che ha prodotto a prezzi più alti. La società non sarà in grado di contare su quella spinta nel 2012 e gli analisti si aspettano che i suoi profitti scendano del 28 per cento, a circa 2 miliardi di dollari. Tuttavia, l’azienda afferma che il suo dividendo non sarà minacciato dal calo. John Kohli, gestore del fondo Franklin Utilities, è d’accordo (almeno nel breve termine) e sottolinea che Exelon continuerà a generare cassa dal suo business dell’energia.

MINIERE D’ORO

“Cosa farà l’oro?” E’ una domanda che quasi ogni investitore deve affrontare in questi giorni ma nel 2012, alcuni professionisti dicono che gli investitori dovrebbero concentrarsi non sul metallo stesso, ma sulle aziende che scavano nel terreno. Tradizionalmente, quando il prezzo dell’oro sale, i titoli minerari dell’oro crescono più rapidamente. I costi di una miniera sono per lo più fissi, quindi se il prezzo del metallo si alza, quasi tutti quei dollari extra finiscono a bilancio. Ma nell’ultimo anno, così come il prezzo dell’oro è salito del 25 %, i titoli minerari, come gruppo, sono scesi dell’1%. E’ il motivo per cui alcuni veterani degli investimenti in oro sono convinti che finché l’oro non stagna, i titoli minerari dovrebbero eccellere. “Finanziariamente, non sono mai stati in forma migliore”, dice Joe Foster, portfolio manager di Van Eck Global, impresa che possiede entrambi i titoli descritti di seguito.

7) NEWMONT MINING (NYSE: NEM)

Le società minerarie sono state a lungo criticate per il pagamento di dividendi miseri e viceversa l’investimento dei loro profitti in acquisizioni e lo sviluppo di nuove miniere. Alcuni investitori hanno spostato i soldi dalle miniere agli ETF. Così l’americana Newmont, seconda società mineraria al mondo per produzione, con sede a Denver, recentemente ha annunciato dal mese di aprile di voler legare i propri dividendi ai prezzi dell’oro. Newmont ha raddoppiato il suo dividendo da allora e dice che continuerà a pagare somme maggiori fino a quando l’oro resterà sopra i 1.500 dollari l’oncia. Per alcuni investitori, quel dividendo non compensa il fatto che la miniera del gigante Newmont  situata a Boddington, in Australia,  è stata vittima di costi in eccesso e minerali grezzi di qualità inferiore alle aspettative (l’azienda dice che la miniera rimane una delle sue “attività caposaldo”).  Anche se la società ha altri progetti promettenti – come Akyem, in Ghana e Conga, in Perù – gli analisti non prevedono che la sua produzione aumenti in maniera significativa fino al 2015, nella migliore delle ipotesi. Eppure, si stima che Newmont sia seduta su 94 milioni di once di oro, 42 miliardi di dollari dopo i costi di estrazione, secondo la banca di investimenti Stifel Nicolaus, mentre il valore di mercato della società è appena 34,1 miliardi dollari. Il significato di tutto ciò, dicono gli analisti, è che le sue azioni sono relativamente a buon mercato: non è insolito per le miniere d’oro essere scambiate a meno del valore dell’oro che possiedono, che è uno dei più alti sconti visto negli anni, dice George Topping, un analista minerario presso Stifel Nicolaus.

8 ) NEWGOLD (ASE: NGD)

Miniera d’oro

Le grandi miniere, come molte grandi aziende, trovano difficile aumentare le vendite e i profitti in modo significativo nel lungo periodo. Le piccole miniere, tuttavia, non hanno questo problema: come ogni nuova miniera che inizia può avere un grande impatto. New Gold, con sede a Vancouver, ha un vantaggio rispetto ad altre piccole rivali, dicono gli analisti: il suo team di gestione comprende due elementi noti nell’industria orafa: il presidente esecutivo Randall Oliphant, che in precedenza diresse Barrick Gold, la più grande compagnia d’oro, e l’amministratore Pierre Lassonde, già presidente di Newmont. Entrambi hanno inoltre investito una notevole somma in azioni New Gold. New Gold ha prodotto 383 mila once di oro nel 2010 e prevede di raggiungere quasi mezzo milioni di once entro il 2013, grazie a due dei suoi progetti più promettenti – la miniera di Blackwater in Canada e la miniera di El Morro  in Cile. Sta anche tagliando  i costi di produzione, da 400 dollari  l’oncia nel 2011 ad una cifra stimata di 230 dollari l’oncia nel 2012. Gli analisti si aspettano un balzo dei profitti del 66%, a 324 milioni di dollari nel 2012. “Il titolo New Gold è aumentato del 67% da ottobre 2010 a ottobre 2011, ma ha ancora molto spazio per crescere”, dice T. Rowe Price analista presso Rick de los Reyes. “Una volta che le piccole miniere dimostreranno miglioramenti in termini di crescita di produzione e abbattimento dei i costi, esse tenderanno ad essere rivalutate ad un livello superiore. E ‘qualcosa a cui gli investitori in oro si attaccano”.

INSERZIONISTI   INTERNET

Non importa quanto sia lenta l’economia, i consumatori sembrano saltare ancora sui loro computer per guardare scarpe, macchine e profumi. Gli inserzionisti sono anche disposti a spendere per tutti quei potenziali clienti. Anche se la fiducia dei consumatori rimane dolorosamente bassa, la spesa pubblicitaria in  Internet è in aumento – a circa 15 miliardi di dollari nel primo semestre del 2011, quasi il 25 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2010. E milioni di persone nei mercati emergenti sono sempre online. Gli analisti dicono che queste due aziende dovrebbero trarre vantaggio dalla pubblicità.

9) GOOGLE (NASDAQ: GOOG)

Google non sembra una nuova scelta: era nella lista “Where to Invest” di SmartMoney dello scorso anno e gli esperti si stanno ripetendo. Sì, Google è stato perseguitato dal tipo di problemi che spesso stanno alle calcagna degli colossi del mercato. Anche se la pubblicità su Internet cresce rapidamente, alcuni temono che gli annunci di ricerca – la sua fonte di guadagno – possono crescere meno velocemente rispetto ad altre forme del mezzo, come banner o video. E in un attimo alcuni analisti hanno messo in dubbio la californiana Mountain View, società Internet che sta pagando 12,5 miliardi dollari per Motorola Mobility, un business cellulare che è meno redditizio di operazioni di base di Google. (Google ha detto che sta acquisendo l’azienda, in parte, per i suoi molti brevetti telefonici correlati.) Alla fine, però, queste appaiono  tutte come distrazione dai profitti: la parola di Google è ancora sinonimo di ricerca rapida di informazioni in rete. Gli analisti si aspettano un aumento dei profitti del 20 per cento nel 2012, a 14,4 miliardi di dollari e la società ha l’esperienza per battere anche quei numeri. Se Google è stato un buon acquisto un anno fa, quando la sua quotazione in borsa era 24 volte più in alta degli utili stimati, dicono gli analisti,  lo è ancora di più attualmente che è quotato 14 volte. “Con simili crescite, si dovrebbero vedere multipli più alti”, dice Aaron Kessler analista presso Raymond James.

10) BAIDU (NASDAQ: BIDU)

Il “Google” cinese

Più del 75% delle entrate dalle ricerche Internet in Cina va a una ditta: Baidu. Naturalmente, l’azienda cinese ha un grande aiuto dopo che Google ha in gran parte abbandonato questo mercato nel 2010 e il suo vantaggio è minacciato da rivali come Sohu.com e Alibaba.com. Ma, come Google in altri mercati, la posizione dominante di Baidu rappresenta una sfida immensa per i rivali e l’azienda è stata aggressiva nel lancio di iniziative in settori come la telefonia mobile e video. “Stanno facendo tutto il possibile per alzare la posta”, dice Scott Kessler, analista presso S & P Capital IQ. I profitti sono cresciuti dell’80% negli ultimi tre anni e Wall Street si aspetta che salgano del 53% nel 2012, a 1,6 miliardi di dollari. Alcuni investitori sono rimasti lontano da Baidu a causa di fastidiose domande circa gli standard legali e di direzione aziendale delle società cinesi in generale. il titolo Baidu in brevissimo tempo è precipitato dopo la notizia che le autorità americane stavano osservando i titoli cinesi. Ma gli analisti dicono che Baidu, che non è stato accusato di alcuna malefatta, è probabilmente vittima di responsabilità oggettiva e il prezzo delle azioni ha avuto un’immediata ripresa.

Insomma, in questi due articoli abbiamo visto molte idee in settori e ambiti assai diversi tra loro.

Ora la palla passa a voi che mi state leggendo, fate le vostre valutazioni ma ricordate sempre che è proprio nei momenti di grossa crisi e difficoltà finanziaria che in borsa (ma non solo) si trovano le migliori opportunità!

Roberto Ivaldi

3 commenti

  1. Anna

    7 anni fa  

    Molto bello Ivo il tuo articolo . ottimi spunti di investimento .
    mi permette di ampliare sia le mie conoscenze che le mie possibili scelte future
    Ciao
    Anna


  2. ENRICO

    7 anni fa  

    Grazie Roberto per questi due articoli, anche io come altri lettori del blog, ho inserito i titoli che hai citato in una watchlist, a breve farò un’ analisi grafica più approfondita.


  3. Roberto Consalvo

    7 anni fa  

    Bellissimo Articolo.

    Tanta ciccia .

    stasera me li vado a scannerizzare e mi controllo i grafici.

    vediamo se ci salta fuori qualche ovetto per pasqua.


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco