Titoli di stato e inflazione

Il rendimento che si ottiene acquistando all’emissione un’obbligazione a tasso fisso (titolo di stato o obbligazione societaria) e portandola a scadenza, è determinato dal tasso delle cedole e dall’eventuale differenza tra il prezzo di emissione e quello di rimborso.

Ad esempio un buono poliennale del Tesoro (Btp) quinquennale con cedola del 5% (emesso e rimborsato al prezzo di 100) offrirà un rendimento semplice del 5% per ognuno dei cinque anni di durata, al lordo della tassazione naturalmente.

Il ritorno così determinato è il rendimento nominale e non tiene conto dell’inflazione, mentre il ritorno effettivo è il cosiddetto rendimento reale ed è quello che si ottiene sottraendo il tasso d’inflazione maturato nel periodo considerato dal tasso nominale. Supponendo, per esempio, che l’inflazione media dei prossimi cinque anni sia del 3% annuo allora il rendimento reale dell’obbligazione sarà del 2% all’anno.

Questa distinzione è importante perché, ai fini del mantenimento del potere d’acquisto dei nostri risparmi, è necessario ottenere un rendimento reale almeno pari a quello dell’incremento del costo della vita.

Il problema è che possiamo solo ipotizzare il livello d’inflazione futuro, perciò il rendimento reale dell’investimento è incerto e l’incertezza è tanto più grande quanto più è lontana la scadenza dell’obbligazione in cui si vuole investire. Nel malaugurato caso che il tasso di inflazione futura si rivelasse superiore al livello scontato dai mercati finanziari, si otterrà un rendimento reale inferiore a quello previsto o addirittura negativo se l’inflazione dovesse superare il rendimento nominale.

Per limitare questo rischio è opportuno diversificare le scadenze dei titoli in portafoglio e utilizzare una quota di titoli di stato indicizzati all’inflazione. Questi particolari titoli, emessi soprattutto dagli Stati italiano e francese, offrono un tasso d’interesse reale in quanto la cedola viene calcolata su un valore nominale investito che si rivaluta in base all’inflazione via via misurata dalle competenti autorità.
Vista la particolare struttura e la complessità di questi titoli è bene farsi consigliare da un’esperto per stabilire le scadenze da acquistare e la quota dei titoli indicizzati sul totale dei propri investimenti, da determinare in funzione dei propri obiettivi e della relativa convenienza rispetto ai titoli nominali.

Attualmente, nonostante i prezzi siano fermi o addirittura in diminuzione, diversi analisti sostengono che nei prossimi anni, a causa dell’aumento dei debiti pubblici a livello mondiale e delle misure espansive attuate dalle istituzioni per sostenere l’economia, l’inflazione potrebbe tornare a livelli sostenuti. Di conseguenza, potrebbe non essere sbagliato cominciare a premunirsi contro possibili fiammate inflazionistiche, timore che tra l’altro ha già sortito l’effetto di far apprezzare notevolmente i titoli indicizzati dall’inizio del 2009 ad oggi.

Michele Colosio
Consulente finanziario indipendente

www.ifaconsulenza.it

1 commento

  1. Andrea R

    9 anni fa  

    L’inflazione è un dato medio ottenuto come media delle variazioni di prezzo di generi di prima necessità e non, di conseguenza ci sono cose all’interno del paniere che potrebbero incrementare di prezzo (es. pane) ed altre che potrebbero calare (es. cellulari). Uno dei fattori che incide maggiormente sul dato inflazionistico è il prezzo del petrolio. Semplicisticamente parlando i trasporti rendono un bene più o meno disponibile perciò una bottiglietta d’acqua che costa 1 euro causa ritardi prolungati di approvigionamenti potrebbe essere venduta anche a 3 euro. Il petrolio inoltre influenza i costi di gas, luce e non solo quelle delle ns bollette ma anche quelle di coloro che producono, assemblano, distribuiscono…
    Comunque tornando alla diversificazione attenzione a due fattori: i titoli indicizzati (btp, oat francesi) hanno cedole contenute e il valore dell’inflazione viene riconosciuto a scadenza o se il titolo viene venduto. Inoltre “il prezzo” oscilla seguendo l’ottica dei tassi (essendo la cedola fissa) perciò crescerà mentre i tassi scendono e calerà mentre i tassi salgono. Adesso i tassi sono azzerati perciò occhio a non comprare scadenze troppo lunghe.


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco