ETF strutturati, opportunità o fregatura elaborata?

Se sei un abituale lettore del blog mi avrai più volte sentito parlare degli ETF come un ottimo strumento per chi vuole gestire il proprio patrimonio o parte di esso in termini di investimenti finanziari.

I motivi per cui personalmente promuovo l’utilizzo degli ETF da parte degli investitori privati “evoluti” — al proposito dei quali ti segnalo il corso [workshop_what what=”488″ color=”navy”] che si terrà il [workshop_when what=”488″ color=”black”] a [workshop_where what=”488″ color=”black”] — sono i seguenti:

  1. Versatilità e flessibilità dello strumento ETF: si possono usare per fare day trading, core trading, position trading, investing etc.
  2. Semplicità di utilizzo: con un solo clic è possibile posizionare il proprio investimento diversificando su un’area geografica più o meno ampia, su un settore merceologico, su uno stile di investimento, sul mondo azionario così come su quello obbligazionario, indirettamente si può investire in immobili o materie prime etc.
  3. Flessibilità operativa: gli ETF operativamente si utilizzano come un’azione per cui li si può acquistare tramite ordini condizionati, si possono consultare i relativi grafici su qualsiasi time frame, si possono inserire gli stop loss etc.
  4. Costi ridotti: le commissioni istituzionali applicate dalla società di gestione che crea, gestisce e commercializza l’ETF sono in media scontate di circa l’80% rispetto agli stessi costi applicati ai classici Fondi Comuni di Investimento

Quando però enumero tutti i vantaggi forniti dagli ETF, occorre precisare che il mio favore va soprattutto agli ETF “classici”, ossia a quelli di prima generazione anche definiti “STANDARD” in quanto contrapposti al gruppo più recentemente costituitosi degli “ETF STRUTTURATI“.

Mentre gli ETF STANDARD sono definiti anche ad “indicizzazione passiva” in quanto costruiti investendo in titoli fisici scelti replicando fedelmente il contenuto di un indice borsistico (es. Dow Jones Industrial Average, Nasdaq 100, FTSE Mib, Nikkei etc.), gli ETF STRUTTURATI sono invece strumenti finanziari decisamente più complessi, sovente costruiti su derivatio comunque elaborati su strategie articolate contenenti opzioni o altre alchimie finanziarie.

Attualmente il segmento “ETF STRUTTURATI” di Borsa Italiana (vedi foto) comprende le seguenti sotto-categorie:

  • ETF SHORT – Sono strumenti finanziari che guadagnano se il segmento di borsa corrispondente si muove a ribassoe che invece perdono se si muove a rialzo
  • ETF A LEVA (sia LONG che SHORT) Amplificano il corrispondente movimento borsistico, es. se il mercato si muove del + 4%, un “ETF a leva 2″ guadagnerà circa l’8% (circa il doppio del movimento di mercato), va da sè che se il mercato scende del 3%, l’ETF long a leva 2 perderà circa il doppio del movimento ossia circa il 6%
  • ETF OBBLIGAZIONARI SHORT e A LEVA – Come sopra ma costruiti in relazione ai movimenti del mercato obbligazionario invece di quello azionario
  • ETF SU STRATEGIE AZIONI/OPZIONI – Sono le sub-categorieBuywrite – Covered call” e “Protective Put” che cercano di replicare strategie relativamente complesse di combinazioni azioni/opzioni per massimizzare i profitti in talune condizioni di mercato o proteggere capitali investiti long

E’ istintivo comprendere come gli ETF STRUTTURATI siano strumenti decisamente più complicati da comprendere anche per un investitore privato che abbia già delle buone basi di formazione e esperienza sui mercati. Non volendo scendere in dettagli eccessivamente tecnici con questo articolo, faccio comunque notare come la realtà di ciò che avviene all’interno dell’ETF STRUTTURATO sia ancora più complessa ed elaborata di quanto il nome della categoria possa suggerire.

Quando sopra spiegavo che il risultato di un ETF a leva è “circa proporzionale” a quello del mercato e non “esattamente proporzionale” lo faccio ponendo molta attenzione alle parole che sto utilizzando, e lo stesso “circa” potrei utilizzarlo in relazione agli ETF SHORT a causa ad esempio del meccanismo di ricopertura giornaliera che incorporano, dell’utilizzo di un collaterale interno etc.

In sintesi, anche se gli ETF STRUTTURATI hanno i loro buoni motivi di interesse e possono essere utili in certi casi specifici, il mio personale e disinteressato consiglio è quello di starne abbastanza alla larga e di limitarsi ad utilizzare quelli “STANDARD“, molto più immediati e semplici da comprendere.

Si noti anche che per chiunque abbia un minimo di formazione sul trading sia decisamente più semplice operare a ribasso shortando personalmente un ETF STANDARD (ovviamente sempre che la propria banca lo permetta) piuttosto che acquistando un ETF SHORT che, tra l’altro, per il fatto di essere uno strumento più complicato da creare e gestire ha in sè commissioni bancarie più alte di quelle dell’ETF standard

Se poi si vogliono costruire strategie elaborate può anche aver senso farlo ma solo se si possiedono le conoscenze necessarie allo scopo.

Sarò forse un pò malfidato nei confronti di banche ed affini e parecchio “protettivo” nei confronti dei miei lettori e dei miei allievi e clienti ma utilizzare strumenti apparentemente semplici per realizzare obiettivi complessi (e difficili da monitorare) mi sembra una “stortura” si cui non si ha grande bisogno.

Ricorda sempre:

  1. Non investire mai in ciò che non comprendi
  2. Non è lo strumento finanziario che crea il guadagno ma l’abilità di chi lo utilizza!

Ci sentiamo presto, buona settimana!

Roberto Pesce

7 commenti

  1. Marco Moriglioni

    7 anni fa  

    Chiaro! Quando una spiegazione risulta facile da capire, significa che chi te la fornisce ha padronanza dell’argomento.

    Ho appena cominciato a seguirti, mi sto già appassionando.

    Grazie Roberto.


  2. indidream

    7 anni fa  

    Buon giorno,

    Etf in paittaforma,che ne pensi?
    Grazie di tante informazioni


  3. luca

    7 anni fa  

    Grazie Roberto per l’utilissimo articolo, soprattutto ora che gli ETF STRUTTURATI iniziano a comparire sempre di più …
    ora la differenza è chiara
    ottimi anche i suggerimenti e gli spunti…
    ciao


  4. anna

    7 anni fa  

    Grazie Roberto.
    è importante per me che tu spieghi queste cose , anzi direi vitale finanziariamente parlando . addentrarsi in questa giungla può rusultare veramente pericoloso e intuitivamente ne sono consapevole . leggere gli articoli che scrivi mi danno la spinta e la sicurezza a contiunare in questo percorso sapendo che alla guida c’è una persona degna di fiducia
    Anna


  5. davide

    7 anni fa  

    io sono nuovo e non so come imparare ad investire e come crearsi una previdenza complementare 🙁


  6. Roberto Pesce

    7 anni fa  

    Grazie a tutti per l’apprezzamento che continuate a dimostrarmi, da parte mia continuerò a fare del mio meglio per rendere il blog un primo momento di formazione per chi inizia ad accostarsi a questi argomenti così come un momento di continuità per chi ha fatto i corsi.

    Per Indidream: sinceramente, non ho capito la tua domanda … cos’è un “ETF in piattaforma” ???

    Per Davide: ho visto che mi hai scritto anche via mail, ho intenzione di scrivere alcune cose presto sul discorso previdenza che però non è esattamente la mia area di competenza. Ti consiglio di appoggiarti ad un valido consulente previdenziale così come di venire a frequentare il corso INTELLIGENZA FINANZIARIA: ti chiarirebbe molto le idee!!!

    Clicca qui per programma, date, contenuti, promozioni:

    http://www.coachingfinanziario.it/intelligenza_finanziaria/intelligenza_finanziaria.php

    Un saluto a tutti!

    Roberto


  7. indidream

    7 anni fa  

    Buon giorno,

    premetto,che stò cercando di capire, come funzionano i vari strumenti finanziari.
    Su qualche piattaforma Forex, oltre alle valute,indici, obbligazioni,
    materie prime, come strumento offrono ETF,
    consideri un buon mezzo col quale operare.
    Spero, di essere stato chiaro.Mi aiuti nel capire.

    Mi sembra di averti già chiesto, in futuro farai webseminar?

    Leggo tutti i tuoi articoli.Mi stai dando un grande aiuto nel capire.

    Ottimo il libro di Gary Vaynerchuk ed il blog

    Bye


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco