Guadagnare in borsa nel 2014

Giusto un anno fa scrivevo su questo blog un articolo dal titolo: “La verità dei grafici e le tante (troppe) previsioni per il 2013”.

Tra i vari aspetti, ponevo l’attenzione su come tre autorevolissime fonti potessero descrivere prospettive finanziarie, economiche e politiche di così ampia differenza, quelle che nell’articolo indicavo con “affermare il tutto ed il suo contrario”.

In questi giorni, ripensando a quelle dichiarazioni mi sono detto: “Perfetto, se hanno coperto tutte le possibilità, qualcuno avrà azzeccato in pieno!” … ma così non è stato.

Se sei appassionato di numeri, indici, prezzi di commodities, ecc. e non resisti alla curiosità di confrontare in maniera dettagliata le previsioni con quanto accaduto effettivamente,  (cliccando QUI torni alla prima parte dell’articolo in questione, QUI  invece, alla seconda parte) ti assicuro che ne scoprirai delle belle!

Se invece vuoi conoscere gli “equivoci” più evidenti, senza scendere nei particolari, prosegui tranquillamente nella lettura.

Ricapitoliamo.

Le autorevoli fonti citate erano: Nouriel Roubini – noto economista –  Byron Wien – vice presidente della Blackstone Advisory, nota società americana che fornisce servizi finanziari e Citigroup con l’analisi strategica ufficiale per il 2013. Ecco i loro quattro macro abbagli.

  1. Il ristagno dell’economia USA ed il conseguente impatto negativo per Wall Street erano il leit motiv della maggioranza degli analisti; il sopracitato Mr. Wien, ad esempio, parlava addirittura dell’indice S&P 500 sotto i 1.300 punti;
  2. L’Europa zavorrata dai debiti non avrebbe fatto brillare le sue borse valori;
  3. Il prezzo del petrolio ipotizzato come raddoppiabile nell’arco di una notte o al contrario pronosticato sotto quota 70 $ al barile;
  4. L’oro immaginato sopra 1.900 $/oncia.

Ed infatti.

1.  L’ S&P 500 ha brindato l’anno nuovo oltre quota 1.800 punti ai suoi massimi storici ed in dodici mesi ha realizzato un + 30%, bisogna tornare al 1997 per una prestazione così positiva;

2. L’indice MSCI Europa + 13 % ed il DAX (borsa tedesca) ha realizzato quasi il doppio rispetto l’indice europeo;

3. Il prezzo del petrolio è poco sopra i 90 $, sugli stessi livelli di un anno fa con una volatilità annuale piuttosto contenuta considerando anche la situazione nel Magreb, la solita delicata questione Israele e Paesi Arabi confinanti e la guerra civile in Siria;

4. Il metallo giallo che all’inizio dello scorso anno veniva scambiato a quasi 1.700 $/oncia mentre in questi giorni oltrepassa i 1.200 $; direi una “certa” differenza rispetto la previsione a 1.900 $.

Attenzione però, il fatto che complessivamente le Borse internazionali abbiano avuto una grande crescital’indice MSCI Mondo ha fatto segnare un + 21% (espresso in €uro) –  non vuol dire che l’economia USA sia in perfetto stato di salute, che il debito dei paesi Europei sia improvvisamente svanito e che in Medio Oriente non vi siano importanti problematiche; piuttosto è opportuno considerare che l’economia, la politica e la finanza, sebbene fortemente legate tra loro, non necessariamente si muovono nello stesso modo e con gli stessi tempi.

Giova inoltre sottolineare che il 2013 verrà ricordato come un anno di cruciali decisioni di politica monetaria, che di fatto hanno spiazzato ben più di un advisor. Mi riferisco ad esempio al grande impatto che hanno avuto questi cinque provvedimenti:

  1. L’innalzamento del livello di “default” del debito pubblico USA ed il successivo stanziamento di fondi per finanziare l’attività del governo Federale fino al prossimo 7 febbraio  – Continuing Appropriation Act;
  2. La prosecuzione della pioggia di dollari a basso costo attraverso il Quantitative Easing. Semplificando, per chi non avesse mai sentito questi due termini, è una norma che dal settembre 2012, permette alla Fed di inserire sul mercato 85 miliardi di dollari al mese (!); giusto per fare un raffronto, il “decreto salva Italia” del 2011 ammontava a circa 30 miliardi di €uro (poco più di 40 miliardi di $);
  3. Il tira e molla sulla questione Tapering, ossia quanto e se rallentare l’attività della Fed rispetto il Quantitative Easing, sopra descritto;
  4. Gli interventi di Mario Draghi (BCE) che attraverso straordinarie misure ha fronteggiato scossoni finanziari che hanno riguardato da vicino anche l’Italia;
  5. L’avvento dell’ “Abenomics”, dall’unione delle parole Abe,  primo Ministro Giapponese ed Economics. Audaci iniziative macroeconomiche del nuovo Governo Nipponico, tra le prime una forte svalutazione dello Yen, hanno permesso la ripresa ad un Paese che da oltre dieci anni era intrappolato in forte stagnazione economica.

La borsa di Tokio si è attestata ad oltre 16.000 punti  facendo registrare nel 2013 +57%, erano oltre quarant’anni (1972) che non si vedeva un simile “rally” per il Nikkei.

In questo caso Mr Wien aveva visto giusto, annunciando una crescita per questo indice fino ad arrivare oltre 12.000 punti…ed effettivamente 16.000 è oltre!

Quantitative Easing, Abenomics, Shutdown, (Tip) e Tap…ering vari, ma davvero bisogna sapere tutte queste cose per investire i propri risparmi in maniera consapevole e redditizia o per riuscire a guadagnare in borsa?

La buona notizia è che la risposta è no! E paradossalmente lo conferma il fatto che autorevoli advisor possano commettere errori di valutazione, nonostante la loro comprovata abilità e competenza in materia.

E quindi?

Per la mia esperienza di allievo dei corsi di Roberto Pesce prima e come trader e formatore in tale ambito poi, mi sono reso conto che è possibile coniugare chiarezza e semplificazione con guadagno e finanza, quello che, modestia a parte, ci testimoniano i nostri corsisti che nella stragrande maggioranza dei casi non avevano alcuna formazione in materia prima di conoscerci.

Un’ottima opportunità in questo senso è fornita dal corso ABC TRADING (prossima edizione a [workshop_where what=”538″ color=”black”] in data [workshop_when what=”538″ color=”black”], corso ancora in super-promozione!) la cui combinazione tra argomenti di livello introduttivo, durata ridotta, prezzo praticamente regalato e esercitazioni esperienziali lo rende perfetto per chi desidera capire come avvicinarsi a questi argomenti ed imparare a trarre vantaggio tangibile dalla volatilità dei mercati, vuoi tramite attività di trading manuale che automatizzata come quella che sfruttiamo noi stessi tramite i cosiddetti “forex robot” di cui daremo un’ottima introduzione proprio nello stesso seminario di [workshop_where what=”538″ color=”black”].

Nella prossima parte di questo articolo, che verrà pubblicata nei prossimi giorni, analizzeremo insieme e da un punto di vista grafico gli indici  FTSEMIB, S&P 500 e Nasdaq in modo da poter dare a tutti un’indicazione di medio/lungo periodo relativa alla Borsa Italiana e a quella USA da cui trarre vantaggio.

Con gli auguri di un sorridente buon anno, ti invito come sempre a scrivermi le tue domande o a lasciare un commento all’articolo più in basso.

I choose my dreams!

Enrico Vigo

2 commenti

  1. adelaide

    5 anni fa  

    Ciao Roberto,
    ho investito all’inizio del 2014 una cifra modesta in un fondo azionario euro BP, ma secondo me mi sono fatta raggirare dall’impiegata…in quanto di borsa non ci capisco nulla…ho visto che la quota investita si abbassa giorno dopo giorno e ci ho già perso dopo un mese il 5%…che faccio disinvesto?

    Grazie mille

    Adelaide


  2. Enrico

    5 anni fa  

    Ciao Adelaide, sono Enrico, trader coach del team Smartmoney e autore di alcuni articoli di questo blog, innanzitutto grazie per la fiducia che ci riservi ponendo questa domanda; ti devo però informare che per motivi legali e scelta professionale non diamo indicazioni rispetto investimenti, gestioni, portafoglio titoli, etc. voglio comunque dar seguito al tuo interrogativo con un paio di riflessioni.
    1. non credo che l’impiegata ti abbia “raggirato” facendoti investire in un fondo azionario che hai sottoscritto: probabilmente ha fatto leva sulla tua “poca competenza” in ambito borsistico (come affermi) e sulle sue capacità di vendita;
    2. con molta tranquillità ma altrettanta fermezza ed umiltà, ti invito a tornare dalla medesima persona e porle qualche decina di : “PERCHE?”… prova ad immaginare di essere un bambino che non conosce assolutamente la materia ed è particolarmente incuriosito; non dimenticare che stai mettendo in “gioco” dei soldi, i tuoi soldi!
    Se l’impiegata riuscirà a chiarirti le idee, sarai nelle condizioni di prendere una decisione consapevole. Si perché a mio avviso il rischio potrebbe essere di fare un “duplice passo falso”, ossia prima aver fatto un investimento avventato e successivamente incassare una perdita in modo altrettanto frettoloso.

    Per fortuna o purtroppo, potrei farti una lunga lista di esempi di nostri corsisti, i quali dopo aver frequentato il nostro seminario “meno tecnico”, INTELLIGENZA FINANZIARIA, sono tornati a casa con una competenza superiore dei loro consulenti e quindi si sono posti nelle condizioni di gestire autonomamente le proprie scelte finanze.

    Continua a seguirci!


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco