L’uomo più ricco di Babilonia

Quindi, i suoi occhi mi fissarono e disse con la sua voce bassa ma ferma: “Io trovai il cammino verso la ricchezza quando decisi che una parte di tutto ciò che guadagnavo doveva restare con me!

Poi continuò a fissarmi ed il suo sguardo mi attraversò, ma non aggiunse altro.
“Tutto qui?” – domandai. “Ciò fu sufficiente per trasformare un povero pastore in un prestasoldi!” – rispose.
“Ma io posso conservare tutto ciò che guadagno, non è forse così?”
“Assolutamente no! Non paghi forse il calzolaio? Non paghi il sarto? Non paghi il cibo? Puoi vivere nella città di Babilonia senza spendere? Cosa ti resta di tutto ciò che hai guadagnato l’anno scorso? Idiota! Paghi tutto il mondo meno te stesso! Fesso, lavori per gli altri!

Sarebbe lo stesso se tu fossi uno schiavo e lavorassi per il tuo padrone, che ti fornirebbe ciò di cui hai bisogno per mangiare e vestirti!

Ricorda sempre: ogni moneta che risparmi è uno schiavo che lavora per te!

L’Uomo più Ricco di Babilonia (da cui è tratto l’estratto pubblicato sopra) è uno dei testi che più mi ha ispirato e motivato nei miei primi approcci al mondo finanziario e degli investimenti. Si tratta essenzialmente di un racconto, non è un libro tecnico e non ci troverai notizie su come investire in borsa o investire in immobili attraverso le aste. Contiene però molto di più, il principio base di tutta l’[workshop_what what=”490″ color=”navy”], il segreto sul perchè imparare a far lavorare il tuo denaro per te.

Prima paga te stesso è il grande messaggio di George Clason e del suo piccolo gioiello. Io lo applico da più di 15 anni a questa parte e mi ha aiutato nei momenti di crisi non solo a non far mancare niente alla mia famiglia ma, anzi, ad avere capitale disponibile per sfruttare le molte opportunità così come mi è stato di supporto nei momenti di grande abbondanza per non perdere la testa così come invece è successo a molti nomi celebri tra sportivi, cantanti e persone di grande successo che della propria abbondanza finanziaria sono, ahimè, rimasti vittime.

L’uomo più ricco di Babilonia è un gioiellino che non può mancare nella tua biblioteca.

Se poi vuoi andare oltre alla lettura del libro e capire come applicarne concretamente i principi nella vita reale, vienimi a trovare a [workshop_what what=”490″ color=”navy”] (prossima edizione il [workshop_when what=”490″ color=”black”] a [workshop_where what=”490″ color=”black”])e ti farò vedere come chiunque possa diventare un milionario (in euro) a partire da qualsiasi stipendio percepisca semplicemente applicando costanza e un pizzico di strategia per una certa quantità di tempo.

4 commenti

  1. Salvatore

    9 anni fa  

    Ciao Roberto, ho letto anni fa il libro di cui hai scritto. Un bel racconto che contiene tante verità che, se solo applicate,aiuterebbero a fare la differenza.

    Peccato che dobbiamo fare il conto con le nostre emozioni legate al denaro e che, se non si è in grado di gestire,diventano i nostri veri padroni e noi il loro schiavo.

    A presto!

    Salvatore


  2. Agostino

    4 anni fa  

    Ciao Roberto, lo sto leggendo, è bellissimo.
    C’è un punto che mi ha confuso però…

    nel capitolo “I 7 rimedi per riempire una borsa”,
    Arkad illustra il 5° rimedio, dicendo “Possedete una casa”
    e “Fate sì che la vostra dimora sia un investimento proficuo”.

    In parole povere: smettete di vivere in affitto, e compratevene una.

    Mi sembra però un insegnamento opposto a quello di Kiyosaki,
    che ha sempre spiegato che la casa non è un investimento,
    a meno di comprarla per metterla in affitto, oppure rivenderla.

    Qual è il tuo pensiero in merito?
    Inoltre, secondo te, è un’operazione sensata
    acquistare una casa dal punto di vista dell’intelligenza finanziaria?

    Grazie e ciao!
    Ago


  3. Roberto Pesce

    4 anni fa  

    Ciao Agostino, devi considerare che all’epoca in cui il libro fu scritto Kiyosaki non aveva ancora diffuso il proprio pensiero ed il mondo viveva in una diversa fase dell’economia per cui tieni sempre presente che non esistono “ricette eterne” ma strade che funzionano di più o di meno all’interno di un certo contesto storico-economico.

    Ciò detto, io non sono d’accordo al 100% con quanto scrive Kiyosaki, alla questione ho dedicato un post tempo fa, puoi leggere tutto qua sotto:

    https://www.robertopesce.com/intelligenza-finanziaria/intelligenza-finanziaria-comprare-casa-o-vivere-in-affitto/

    Ciao e continua a seguirci!

    Roberto


    • Agostino

      4 anni fa  

      Grazie mille Roberto, mitico come sempre 🙂


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco