Nella calza della Befana c’è…la Paghetta!

Befana PaghettaQuest’anno nella calza della Befana i miei figli troveranno la paghetta.

Non so come la pensate, ma io credo che la Befana sia il personaggio più democratico e sincero che popola le nostre festività. La vecchina con licenza di distribuire carbone a chi non si è comportato bene riscuote da sempre la mia stima; spingendo gentilmente ad un esame di coscienza annuale mi appare giusta, equa e formativa: un argine alla diseducazione “dell’ottengo tutto e subito” a cui sono soggetti tanti bambini più o meno cresciuti. Forse sto invecchiando…

Sentendomi perciò una Befana nell’animo, e senza tralasciare dolci e piccole sorprese, ho pensato di trasformare questo appuntamento in un momento educativo istituendo formalmente la paghetta.

Se anche voi la volete includere nella vita dei vostri figli ecco qualche indicazione a suo favore.

Paghetta sì e perché 

La paghetta deve coprire tutte quelle spese non incluse nel sostentamento quotidiano: soldi che possono essere spesi per divertimenti o piccoli acquisti, tutto quello che non rientra in cibo, vestiti, libri scolastici, attività sportive o trasporti.  

E’ basilare definire da subito cosa deve essere pagato dai genitori e cosa dai figli perché è nell’ambito di quei confini che si svolge il ruolo educativo nostro e della paghetta, importante anche per altri motivi:

  1. Dare soldi da gestire ai figli  è una dimostrazione di fiducia. E’ un atto attraverso il quale bambini e ragazzi si responsabilizzano, imparando a lungo termine a distinguere tra beni necessari e spese superflue.
  2. Con la paghetta si apprende quanto sia vantaggioso risparmiare. Spendere tutto subito li  priva della possibilità di acquistare qualcosa al di fuori della loro portata e che potrebbero invece ottenere accantonando denaro un po’ alla volta.
  3. L’abitudine al risparmio fa diventare più selettivi. I ragazzi impareranno a meditare sulle spese, valutando quali affrontare e quali no, e questo contribuirà a  formare adulti con una minor attitudine a far debiti eccessivi.
  4. La determinazione della paghetta e delle regole di utilizzo (di cui parlerò in uno dei prossimi articoli) è un’occasione di dialogo sul tema finanziario. Come abbiamo detto più volte, i figli apprendono per imitazione dei comportamenti dei genitori e, in parecchi casi, non hanno la chiara percezione dei budget familiari. Definire precisi confini consente di ridurre la conflittualità data da pretese fuori misura.
  5. Ai genitori, stabilire una quota fissa da destinare ai figli per i loro “sfizi”, consente una migliore pianificazione delle proprie spese.
  6. Solo se hai denaro tuo puoi pensare di donarlo. Se si insegna ai figli che, per quanto poco si abbia, una piccola parte è giusto che sia condivisa con chi ha meno, li si allena alla generosità.

E così siamo tornati ai doni e alla vecchina in arrivo che, nella nostra tradizione, simboleggia l’anno vecchio che se ne va portando via tutte le feste.  

Ma di storie legate alla Befana ce ne sono parecchie.

Nella tradizione cristiana la figura della Befana è legata ai Re Magi: si narra che Baldassarre, Melchiorre e Gaspare nel seguire la stella cometa abbiano chiesto indicazioni a un’anziana signora.

Una volta spiegato alla vecchietta che sarebbero andati a render omaggio a Gesù bambino portandogli oro, incenso e mirra, le hanno chiesto di unirsi a loro, ma lei ha rifiutato.

Rimasta sola la Befana pentita di non essere andata, preparò una cesta di dolci e si mise a cercare i Re Magi senza successo. Da allora gira di casa per casa donando dolci ad ogni bambino sperando di ritrovare Gesù: simbolicamente quei doni e quella dolcezza sono propiziatori per l’anno appena iniziato.

Paghetta Bambini

La storia che preferisco però è quella in cui la Befana simboleggia Madre Natura: la Terra che genera doni in abbondanza a chi la coltiva con fatica e dedizione, mentre produce carbone, simbolo di aridità e sterilità, a chi non si impegna.

In fondo è esattamente questo che fanno i genitori con i propri figli: coltivare tutto il buono che è in loro affinché la vita sia più dolce.

Giorgia Ferrari

20 commenti

  1. Emanuela Di Gioia

    2 settimane fa  

    Evviva, io sono sempre stata a favore della paghetta, soprattutto perchè devono imparare a gestirsi e a risparmiare se vogliono qualcosa di particolare! Condivido tutto, e auguri a te! 😘


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Ciao Emanuela,
      grazie, il tuo entusiasmo è sempre contagioso!


  2. Luca

    2 settimane fa  

    Buona Epifania Giorgia, molto piacevoli ed interessanti i tuoi articoli, attendo i prossimi, ciao!


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Grazie Luca,
      sono contenta che ti piacciano.
      Continua a seguirci e condividi 😉


  3. Tatiana

    1 settimana fa  

    Bellissimo articolo.grazie.


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Grazie a te Tatiana!


  4. Simona

    1 settimana fa  

    Fantastica Giorgia 😊
    È sempre bello leggere i tuoi articoli!
    Trovo sempre spunti interessanti,questo mi aiuterà sicuramente con le mie bimbe!
    Grazie!!


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Ti ringrazio Simona, mi auguro che apprezzino anche le tue bimbe.
      Raccontami come prenderanno questa novità, ci conto!


  5. Antonio

    1 settimana fa  

    Non avendo figli a paghetta la penserò per me.
    Grazie del pensiero.


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Prima paga te stesso dice Roberto 😉
      Grazie a te Antonio


  6. Giuseppe

    1 settimana fa  

    Grazie Giorgia
    sempre illuminanti i tuoi post!!!!!!


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Grazie Giuseppe!


  7. Gian Paolo

    1 settimana fa  

    Grazie Giorgia, ma la befana ha pensato anche ad un bel foglio di excel per definire a quanto ammonti la paghetta in base all’età? 🙂


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      La Befana ci ha pensato Gian Paolo…
      Non credo che si spingerà fino a un foglio excel, ma darà istruzioni più dettagliate in base all’età.
      Naturalmente se tu hai già un tuo metodo informatizzato la Befana è ben felice di condividerlo 🙂


  8. Massimo

    1 settimana fa  

    Wow…articolo stimolante e che fa’ riflettere….a mio parere utile anche per ‘i grandi’.


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Ciao Massimo,
      Che cosa in particolare pensi possa essere utile “ai grandi”?


  9. adriano baratteri

    1 settimana fa  

    un bellissimo articolo che contiene consigli che probabilmente seguirò……..


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Grazie dell’apprezzamento Adriano,
      se decidi di seguirli fammi sapere come va 🙂


  10. laury

    1 settimana fa  

    Interessante…molto interessante…..Ho i figli di 26 22 e 18 anni…..informazioni che mi sarebbero state utili sicuramente in passato….grazie Giorgia


    • Giorgia Ferrari

      1 settimana fa  

      Ciao Laura,
      in effetti sono grandicelli, ma se vivono ancora con te una gestione a paghetta adeguata alle loro esigenze è ancora utile 😉


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscriviti alla Newsletter!!

Rimani aggiornato su tutte le novità Smartmoney e sui nuovi articoli di questo blog

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco